giovedì 22 Agosto 2019
Ultime notizie

C.T.U. fatturazione delle prestazioni : tutto quello che c’è da sapere

Notevoli dubbi applicativi sono sempre sorti in merito al ciclo della fatturazione del professionista per le prestazioni professionali che lo stesso è chiamato a svolgere a favore della P.A. (diversi organi della Amministrazione della Giustizia)

Le domande a cui cercheremo di dare risposte sono le seguenti:

  • chi è il soggetto destinatario della fattura?
  • chi deve provvedere al pagamento della stessa?
  • deve essere esposta la ritenuta di acconto?
  • chi deve versare la ritenuta di acconto quando esposta?

La risposta a queste domande viene dall’analisi della circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 9/E del 07 maggio 2019 e dalla risposta n.211/2019 all’interpello formulato da un geometra nella sua veste di CTU.

Preliminarmente, giova ricordare che l’Agenzia delle Entrate con risoluzione del 19 ottobre 2015, n. 88, ha precisato, tra l’altro, che il reddito derivante dall’attività di consulente tecnico d’ufficio (CTU) resa  nell’ambito di  un  giudizio  civile,  se  è svolta  con  carattere  di  abitualità  da parte del professionista, dovrà essere assoggettato al regime del reddito di lavoro autonomo, di cui all’articolo 53,comma 1, del TUIR.

In  tali  ipotesi,  troverà  applicazione  la  disciplina  prevista  dall’articolo  54 del  TUIR  per  i  redditi  di  natura  professionale  che  implica,  sotto  il  profilo dell’Imposta  sul  Valore  Aggiunto,  non  solo  il  necessario  possesso  (o  apertura) della  partita  IVA,  ma  anche  l’obbligo  di  fatturazione  elettronica  (laddove  chi eroga  i  compensi  abbia  la  qualifica  soggettiva  indicata  nella  citata  circolare  n. 1/DF del 2015), salve le ipotesi in cui forme alternative di documentazione siano legislativamente previste.

Con circolare del 7  maggio 2018, n.  9/E, con la quale sono stati forniti chiarimenti  in  merito  alla  disciplina  della  scissione  dei  pagamenti,  è  stato precisato che, con riguardo ai compensi e onorari relativi alle prestazioni rese dal CTU,  titolare  passivo  del  rapporto  di  debito  è  la  parte  esposta  all’obbligo  di sopportare l’onere economico e cioè il soggetto a carico del quale sono state poste le spese del CTU.
Tale soggetto è tenuto, infatti, in base al  provvedimento del Giudice, al pagamento  del  compenso  per  le  prestazioni  professionali  rese  a  favore dell’Amministrazione  della  Giustizia,  committente  ma  non  esecutrice  del pagamento.

La prima soluzione è la seguente: il CTU deve emettere fattura a favore dell’Amministrazione della Giustizia. Ciò risulta confermato anche dalla circolare ministeriale dove si afferma che conseguentemente,  il  CTU  deve  ritenersi  obbligato,  tra  l’altro,  ad emettere  fattura,  ai  sensi  dell’art.  21  del  D.P.R.  n.  633  del  1973,  nei  confronti dell’Amministrazione  della  Giustizia  nella  quale  dovrà  essere  evidenziato, tuttavia, che la “solutio” avviene con denaro fornito dalla/e parte/i individuata/e dal provvedimento del Giudice. In tali fattispecie, dunque, la P.A. (Amministrazione della Giustizia), pur essendo riconducibile nell’ambito soggettivo di applicazione della scissione dei pagamenti, non effettua alcun pagamento del corrispettivo nei confronti del CTU.

La circolare continua dicendo che  l’applicazione  della  scissione  dei  pagamenti  comporterebbe l’onere, per la parte obbligata al pagamento del compenso del CTU, di versare a quest’ultimo soltanto l’imponibile, mentre l’Iva relativa alla prestazione del CTU dovrebbe  essere  riversata  all’Amministrazione  della  Giustizia  affinché quest’ultima, a sua volta, versi tale importo all’Erario, nell’ambito della scissione dei pagamenti. Tale  doppio  versamento  costituirebbe  un  aggravio  delle  procedure  e giustifica la non applicazione della disciplina della scissione dei pagamenti nel caso in argomento.

Passiamo ora a definire il soggetto tenuto al pagamento della fattura del CTU.

La soluzione è nella genesi della spesa di CTU e precisamente nell’atto che promana dagli organi della Amministrazione della Giustizia ove è specificato chi è condannato o obbligato al pagamento delle stesse.

Siamo così arrivati ai dubbi inerenti la obbligatorietà della esposizione in fattura della ritenuta di acconto e l’individuazione del soggetto eventualmente tenuto a versarla.

Ancora una volta la soluzione viene dalla lettura della risposta all’interpello n. 211/2019 suddetta la quale conclude in coerenza con quanto detto in merito al pagamento della fattura (comprensiva dell’iva nella stessa esposta) e cioè che deve avvenire ad opera della parte soccombente o obbligata al pagamento delle spese di ctu (come indicato nel provvedimento degli organi dell’Amministrazione della Giustizia). Infatti, l’Agenzia delle Entrate nel corpo della risposta all’interpello, riferendosi all’iva e al pagamento della parcella, afferma che ad  analoghe  conclusioni,  si  ritiene  debba  giungersi  in  relazione  al versamento della ritenuta d’acconto IRPEF, di cui all’articolo 25 del citato D.P.R. n.  600  del  1973,  che,  pertanto,  dovrà  essere  versata  all’Erario  non all’Amministrazione  della Giustizia,  ma  dalla  parte  soccombente,  titolare passivo del rapporto di debito nei confronti del consulente ed esposta all’obbligo di  sopportare  l’onere  economico,  sempreché  quest’ultima  sia  ricompresa  tra  i soggetti che rivestono la qualifica di sostituto d’imposta.

In conclusione la ritenuta di acconto deve essere evidenziata in fattura dal CTU solo nel caso in cui il soggetto tenuto al pagamento della fattura rientri in quelli identificati dal fisco come sostituti di imposta.

Infine, se il soggetto tenuto al pagamento della fattura è una persona fisica sprovvista di partita iva lo stesso non è tenuto al pagamento della ritenuta di acconto e quindi il CTU emetterà la fattura senza l’indicazione della stessa.

Il CTU nella elaborazione della fattura, indirizzata all’Amministrazione della Giustizia non tenuta ad alcun pagamento, evidenzierà che il saldo della stessa sarà effettuato dal terzo soccombente o obbligato e se del caso indicherà la ritenuta di acconto e il soggetto terzo soccombente o obbligato al suo pagamento.