giovedì 16 agosto 2018
Ultime notizie

Made in Italy, il nuovo film di Luciano Ligabue

Luciano Ligabue torna dietro la macchina da presa con “Made in Italy” in sala dal 25 Gennaio con protagonisti Stefano Accorsi e kasia Smutniak, il quale segue la trama dell’album omonimo uscito un anno e mezzo fa. Il cantante ritorna nelle vesti da regista dopo 20 anni dal debutto con “Radiofreccia”, seguito nel 2002 da “Zero a Dieci”.

“Made in italy” è una storia d’amore in cui s’intrecciano le inquietudini dei protagonisti, in special modo di Riko ( Stefano Accorsi) per l’insoddisfazione dei problemi quotidiani, tra cui il lavoro, divenuto improvvisamente precario a causa della crisi economica e di un matrimonio che vacilla tra abitudine e tradimento. Ma Riko non molla e ricorda le parole del suo amico: “Cambia te, invece di aspettare i cambiamenti”. Frase intorno a cui ruota tutto il significato del film e spiega Ligabue “I cambiamenti fanno paura, ma sono movimenti naturali della vita. E il modo in cui noi reagiamo agli eventi, muta il nostro modo di guardare alle cose e produce la realtà”.

Stefano Accorsi che interpreta l’onesto Riko, è ancora una volta protagonista di un film di Ligabue, lui che aveva interpretato il tormentato Freccia in “Radiofreccia”, l’opposto del suo nuovo personaggio che tuttavia è ugualmente travolto dai mutamenti sociali in corso in Italia. Riko a differenza di Freccia ha 50 anni, sposato, molto giovane con Sara, una parrucchiera, e ha un lavoro che vede portarsi via dalla crisi economia. Arrabbiato con il suo tempo, però decide di non esserne travolto e di tirare aventi, nonostante le incertezze e ricominciare. Freccia è un giovane e non sopporta il convivente della madre, questo disagio lo induce a trasferirsi nei locali di radio raptus, in cui conoscerà il piacere di parlare in radio, ma anche la droga e inizia ad entrare ed uscire dalle prigioni e dagli ospedali fino alla morte. Due personaggi, opposti, ma che con reazioni diverse rappresentano il disagio di vivere in una società che non dà prospettive o non dà certezze.

Paola Esposito

Paola Esposito, laureanda in giurisprudenza, una grande passione per il cinema che coltiva fin da quando è adolescente, perchè al cinema la vita scorre come rappresentazione dei vizi e delle virtù degli individui, attraverso cui questi ultimi possono emozionarsi, capire, rivedersi nelle situazioni comuni e meno comuni.