martedì 16 Luglio 2019
Ultime notizie

Tutto in un morso: il contest che premia il panino Made in Italy

Il contest: “Tutto in un morso”

Lunedì 23 Aprile presso il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo, in Via Ponte di Tappia 25, si è svolta la serata conclusiva di “LSDM Caputo Chef Project”. La seconda edizione del progetto, dal tema “Tutto in un morso”, è nato dalla collaborazione tra LSDM (Le Strade della Mozzarella) e Mulino Caputo. La serata è stata moderata da Antimo Caputo, Luciano Pignataro, Albert Sapere e Barbara Guerra. Ospite d’onore Gennaro Esposito, chef stellato de ” La Torre del Saracino”.

Il mondo del pane è molto vasto, ricco di tradizioni e storia. Negli ultimi anni le nostre tradizioni, legate al panino, sono state messe da parte con il modello statunitense. Il contest mira quindi a valorizzare l’importanza del pane, non più come “contenitore”, ma come elemento peculiare della dieta mediterranea. Un’idea nuova, in cui non c’è gara, per mettere in evidenza il prodotto e non una categoria predefinita di ristoratori.

Antimo Caputo ha dichiarato: “Con Tutto un morso si cerca di dare dignità al prodotto. L’obiettivo è far distinguere al consumatore il prodotto artigianale di una certa qualità rispetto a tutto il resto” .

Proposte interessanti, innovative ma allo stesso tempo tradizionali sono state presentate durante la serata.

 

( Da Sinistra: Gennaro Esposito, Luciano Pignataro, Antimo Caputo, Albert Sapere e Barbara Guerra)

Sono stati 15 i professioni che hanno presentato il proprio panino farcito, nel rispetto del principi della Dieta Mediterranea.

 

  • Alfonso Iannuzzi, di Veritas Restaurant, ha presentato un panino farcito con: sgombro marinato in colatura di alici, burrata e puntarelle condite con olio e alici. Nell’impasto del panino ha utilizzato la lattuga di mare.
  • Giovanni Mariconda, del ristorante Degusta di Avellino, ha presentato il suo Bum Bam – Bufala e Baccalà. Il panino è stato farcito con Baccalà, bufala, pomodorino confit, cipolla e scarola riccia. Nell’impasto del pane è stata utilizzato un mix di Farina tipo 1, grano germano e farina di granturco.
  • Claudio Petrolo, di Pane&Mare di Gaeta, ha presentato il panino “El calamar” in cui pane e pesce si sposano completamente. Il pane è stato realizzato con farina integrale, farina 00, lievito naturale e lievito di birra. Per la farcitura, lo chef ha utilizzato Calamaro, Lardo di Patanegra croccante, Mozzarella di Bufala Campana, Cavolo nero, Ravanelli e Maionese di lattuga di mare.
  • Studio Burger Napoli ha realizzato un panino in linea al concept del contest. Il panino, di forma triangolare, è stato realizzato con un mix di farina tipo 1 e farina manitoba. La farcitura è stata realizzata con hamburger, mozzarella e pomodoro.
  • Paolo De Simone,  di Storie di Pane a Vallo di Lucania, ha presentato un cuzzetiello moderno. Il Cuzzetiello  si presenta croccante fuori e morbido dentro. Il pane è stato realizzato con un mix di farine deboli, grano duro e doppia lievitazione. Per la farcitura è stato utilizzato un must have della cucina cilentana: la melanzana imbottita.
  • Giovanni Sorrentino,  di Gerani ristorante a Santa Maria della Carità,  ha presentato il panino “Buffalo in the Club“. Il sandwich è stato realizzato con: farina rossa e integrale Caputo, farcito con roast- beef di bufalo, lattuga, scamorza di bufala e maionese di pomodoro San Marzano.
  • Sabatino Sirica, il decano pasticciere della Pasticceria Sirica di San Giorgio a Cremano, ha realizzato un panino che richiama un gusto internazionale con prodotti locali. Per l’impasto del panino è stato utilizzata la Farina Oro e Farina doppio zero Caputo. Per la farcitura è stato utilizzato un latte intero cotto di bufala, salmone affumicato e erba cipollina.
  • Ciccio Vitiello, di Casa Vitiello di Caserta, ha realizzato un panino farcito con: hamburger di bufala, mozzarella di bufala, caciocavallo stagionato 30 mesi e pesto di rucola. Per il pane è stato utilizzato lievito madre, lievito di birra, farina blu, rossa e multicereali.
  • Fabrizio Mazzantini, chef di Porno Street Food, ha presentato un panino farcito con coda di manzo.
  • 12 Morsi Burger&Friend Napoli ha presentato un panino farcito con: Tonno fresco marinato con sale e zucchero, mozzarella cilentana, pomodori cuori di bue. Per il pane è stato utilizzato un mix di 3 farine: integrale, tipo 1 e cuori di cereale.
  • Giuseppe Rossetti, del Maio Restaurant di Milano, ha presentato il panino “Il break di Keys“. Il panino è stato farcito con Piovra pugliese, mugnoli selvatici e panella di ceci. Il pane è stato realizzato con un mix di 4 farine: Caputo Rossa, integrale, Cuor di Cereali e Manitoba Oro.
  • Micael Vitellozzi, chef del ristorante Del Cambio di Torino, ha presentato un panino farcito con: sgombro marinato e maionese aromatizzata alle Erbette. Per il pane è stato utilizzato il lievito madre, semi di lino, sesamo e girasoli ed un mix di farine: tipo 1, integrale e Cuor di Cerali.
  •  Tommaso MazzantiAll’antico Vinaio Firenze, ha presentato la “Favolosa“. Per la schiacciata è stata utilizzata la Farina Caputo SaccoRosso. Per la farcitura sono stati utilizzati: Crema di Pecorino Toscano DOP, Crema di carciofi, Carciofini, Melanzane fritte a funghetto leggermente piccanti e Sbriciolona – tipico salume Fiorentino aromatizzato ai semi di finocchio.
  • Alain Locatelli- La boulangeria pastisseria di Milano, ha presentato “Spinacino“. La ciabatta è stata realizzata  con lievito madre, farina tipo 1 e spinacio. Per la farcitura sono stati utilizzati: ricotta, speack, spinacio, noci e uvetta.
  • Luciano e Ferdinando BifulcoBraceria Bifulco, hanno presentato un panino farcito con battuta di manzetta, cime di fave, carciofi e puntarelle. Per il pane è stata utilizzata la farina tipo 1 e 00.

Giusy Piccirillo

Collaboratrice at Linkazzato.it e "Roma" quotidiano d'informazione
"Poche le sue armi: tanta curiosità, un taccuino, una penna. Uno l'obiettivo: scrivere per chi non c'era, perché conosca. Scrivere per chi c'era, perché ricordi"
In ogni pezzo c'è sempre un po' di me, delle mie esperienze, del mio sguardo sul mondo.
Le mie passioni?
La bellezza in ogni sua forma <3
Giusy Piccirillo