lunedì 19 novembre 2018
Ultime notizie

Quando il calcio diventa “business”: scandalo in Serie B

Immagine

Cos’è il calcio? Se provate a fare questa domanda, ai bambini, dal canto della loro ingenuità e della loro capacità inaudita di sognare, risponderanno sicuramente che è lo sport più bello del mondo che permette di fantasticare ad occhi aperti.  Molte volte, soprattutto se si è piccoli, capita di gioire quando la propria squadra del cuore vince o addirittura di piangere se, viceversa, dovesse inceppare in qualche risultato negativo. Il calcio è una valvola di sfogo che, in fondo, consente a tutti di evadere dalla monotonia della quotidianità dove chiunque sfoggia il “fanciullino” che è radicato nei meandri più oscuri della nostra anima. Vi siete mai chiesti perché, quando ci si identifica in una squadra, difficilmente la si cambia durante l’arco della vita? Il calcio è, dunque, sinonimo di amore e passione, di calore e attaccamento.

Purtroppo, come accade spesso, in questo mondo confuso e privo di valori, anche il calcio sembra essere tutto tranne che un gioco. Dalle pagine dei giornali, dal flusso mediatico, giungono sempre più notizie legate ad imbrogli, a combine,  a scandali che calpestano la dignità di tutti. Così, ad esempio, si apprende che, in una partita di Serie B, disputatasi tra Virtus Entella e Frosinone, dagli spalti, cade un fogliettino, che recita le seguenti parole:”  Pareggeremo su rigore”. Com’è finita? Indovinate un po’: la squadra che si trovava sotto, al 92’, beneficia di un rigore, casualmente trasformato. Ovviamente, prima di processare tutto e tutti, bisogna stare molto attenti, ma una riflessione, dev’essere effettuata: perché trasformare una cosa semplicissima e bellissima, sublime e popolare, che crea condivisione ed infrange qualsiasi barriera sociale, in puro “business”? Perché ci devono privare dei nostri sogni? Perché, come dice Zdenek Zeman, questo calcio “assomiglia sempre più ad un’industria, macina soldi, e sempre meno ad un gioco”? Questo non è il calcio, non è il nostro calcio… cambiamolo!

Christian Corda

Dottore in Scienze della Comunicazione, amo affrontare tematiche d'interesse sociale e prestarmi al servizio della collettività.Ho deciso di far sentire la "mia" voce in Linkazzato.it perché è un giornale innovativo e realista che non mostra "sudditanza psicologica"verso poteri provenienti dall'alto.