lunedì 12 novembre 2018
Ultime notizie

Nuovi importanti ritrovamenti nella città di Cuma

Nuove importanti scoperte archeologiche sono state portate alla luce nella antica città di Cuma, già nota per la sua acropoli, dall’ Università Federico  II , dall’ Orientale insieme con l’ istituto di ricerca francese Centre Jean Beràrd che svolgono ricerche e scavi su concessione della Sovrintendenza Archeologica.

I ricercatori hanno individuato l’impianto urbanistico della città greca, la porta mediana, l’ officina metallurgica e il tracciato della antica via Domiziana.

I risultati degli scavi sono stati eccezionalmente mostrati al pubblico grazie all’ iniziativa del parco archeologico dei Campi Flegrei in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2018; il pubblico ha potuto assistere alle attività dei cantieri (tuttora in corso) e ammirare i ritrovamenti.

I lavori per riportare alla luce interessanti testimonianze archeologiche, sia greche che romane, risalenti fino al settimo secolo a.C. sono cominciati nel 1994 su di un’area di circa 2 km quadrati, ma procedono a singhiozzo a causa della scarsità dei fondi a disposizione.”Gli scavi hanno consentito interessanti scoperte” ha detto Filippo Russo, tra i responsabili del Parco Archeologico “grazie al lavoro dei volontari e delle Università”.

Cuma è un sito archeologico della città metropolitana di Napoli nel territorio dei comuni di Bacoli e di Pozzuoli, localizzata nell’ area dei Campi Flegrei, il suo nome deriva dal greco e significa “Onda”; fu una delle colonie elleniche della Magna Grecia e anche uno degli insediamenti più antichi e più lontani da esso, fondata dagli Eubei di Calcide.

Cuma fu una delle colonie che diffusero in Italia la cultura greca, strettamente legato a questa città è il mito della “Sibilla” che insieme con il suo “Antro” costituisce un’ attrazione turistica notevole.

Pietro Capasso

Pietro Capasso ,nato a Napoli nel 1985, si è
laureato in lingue e culture dell'Asia e dell' Africa presso l' Orientale di Napoli,
Esecutore di musica classica e pittore amatoriale.
Ha pubblicato alcune poesie raccolte nel quaderno di scrittura creativa presso l' ex OPG di Napoli