martedì 30 Novembre 2021
Ultime notizie

Lavorare con i giovani e per i giovani: il futuro in Italia degli Youth Workers

Lavorare in ambito socio-educativo con i giovani e per i giovani. Sarà il compito dei primi laureati italiani specificamente formati in ambito universitario post-lauream per diventare youth workerl’animatore socio-educativo per i giovani. Quest’ultimo è considerato dall’Unione Europea come una figura professionale tra le più importanti da incentivare e sostenere in tutti gli Stati Membri.

A Napoli è stato inaugurato proprio nella giornata di ieri il primo percorso di alta formazione universitaria specificamente dedicato allo youth worker, nato da una innovativa sinergia tra l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, la più antica libera Università italiana, l’Agenzia Nazionale per i Giovani e la Fondazione Santobono-Pausilipon (iscrizioni fino al 22 Aprile con bando online su www.unisob.na.it/youthworker e conferenza di presentazione su www.facebook.com/unisob/videos/120284666677127).

Proprio in riferimento a questo percorso il rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa Lucio D’Alessandro ha spiegato:

“Se c’è una cosa che la crisi innescata dal Covid-19 ha dimostrato è che la società, per risolvere i propri problemi, ha bisogno di competenze. Ed è per questa ragione che per molti giovani si potrà rivelare una scelta di fondamentale importanza aver voluto investire su di un percorso accademico di qualità per la formazione di una figura professionale così importante e così fortemente richiesta dal mercato anche a livello europeo”.

Il futuro della figura dello Youth Worker in Italia ed il suo ruolo nevralgico nel mondo post-Covid

In Europa sono operativi circa 2 milioni di youth workers e sono perlopiù giovani tra i 18 ed i 35 anni. Si tratta di animatori socioeducativi che facilitano l’apprendimento e lo sviluppo personale e sociale dei giovani, affinché diventino cittadini autonomi e responsabili attraverso la partecipazione attiva ai processi decisionali e l’inclusione nelle rispettive comunità.

In riferimento a ciò, la direttrice generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani ha spiegato che:

“In questo quadro il Master all’Università Suor Orsola Benincasa rappresenta un tassello importante per la valorizzazione e il riconoscimento professionale di questa figura, sulla scia della terza youth work convention di Bonn che intende muovere passi determinanti per il presente e il futuro di questo ruolo nella società”.

La Abbinante ha poi continuato dicendo che:

“Il lavoro degli youth worker sarà oltretutto fondamentale in tema di coinvolgimento e partecipazione giovanile, anche e sopratutto a seguito delle conseguenze della pandemia, per sviluppare un modello di apprendimento non formale che si basa anche su collaborazione intergenerazionale”.

Anche in vista della nuova programmazione europea, Erasmus+ e Corpo Europeo di Solidarietà 2021-2027, appena partita, questo nuovo progetto di alta formazione italiano pone certamente solide basi per dare ai giovani sempre più opportunità di crescita.

Gli obiettivi formativi del Master: prima edizione con didattica digitale

L’obiettivo formativo di questo innovativo percorso di studi (che assegna ben 60 CFU universitari e conferisce anche i 24CFU specificamente richiesti nei concorsi per l’insegnamento) è quello di costruire un profilo professionale versatile capace di promuovere la partecipazione dei giovani alla società coniugando apprendimento formale e non formale e promuovendo l’inclusione attraverso forme di attivazione dei soggetti, in presenza di situazioni di rischio di esclusione sociale o altro svantaggio, sia in forma di volontariato sia in forme di autoimprenditorialità, anche utilizzando le risorse digitali. 

Infatti il direttore del Centro di Lifelong Learnig del Suor Orsola ha detto:

“Si tratta di un percorso fortemente innovativo che darà a questi primi professionisti in animazione socio-educativa per i giovani un titolo universitario di Master dall’indubbio valore formale e sostanziale e che nasce da uno studio attento dei documenti europei in materia e di una progettazione sinergica con gli attori istituzionali, in primis con l’Agenzia Nazionale per i Giovani”.

In questa prima edizione la didattica si svolgerà in modalità interamente digitale da aprile a novembre 2021 e sarà integrata anche da opportunità di esperienze on the job. Le lezioni saranno in diretta, ma anche on demand e quindi sempre fruibili per conciliare le esigenze anche professionali degli allievi.

Infine questo quanto affermato dai vertici della Fondazione Santobono-Pausilipon:

“Finalmente con questo Master si potrà colmare un vuoto importante nella presa in carico del disagio delle categorie più fragili che potranno contare su figure professionali competenti e strutturate che daranno vita a quella famosa economia solidale così importante per consentire a chi vive ai margini di emanciparsi dal disagio e rientrare in una vita di normalità emotiva e produttiva”.

Mario Ruggiero
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: