giovedì 20 settembre 2018
Ultime notizie

Inter-Napoli 0-0: gli azzurri perdono la vetta della classifica

Lorenzo Insigne

Finisce a reti bianche il posticipo di San Siro tra Inter e Napoli, della 28esima giornata del campionato di Serie A: un pareggio che costa la vetta della classifica agli uomini di Sarri, superati dalla Juventus di Max Allegri. I nerazzurri allenati da Spalletti, hanno inchiodato i partenopei sullo 0 a 0, risultato che ha reso felice i bianconeri che ora sono in testa alla classifica della Serie A a +1 dagli azzurri e con una partita in meno, da recuperare mercoledì con l’Atalanta allo Stadium. Un pareggio che sicuramente è stato più utile all’Inter che così facendo, si mantiene in piena zona Champions con una gara in meno rispetto a Roma e Lazio.

Agli uomini del tecnico toscano non è bastato un generoso secondo tempo per battere gli uomini di Spalletti che ieri sera sono ritornati a giocare da squadra come ad inizio campionato. Nel primo tempo, ci sono state pochissime occasioni e nessuna palla gol, in quanto a prevalere sono state le tattiche dei rispettivi allenatori. Invece, nel secondo tempo, le squadre si sono allungate, l’incontro si è accesso e c’è stata qualche palla gol da ambo i lati. Gli azzurri, si sono spinti più volte dalle parti di Handanovic, però i nerazzurri recriminano per un palo colpito di testa, dal difensore slovacco Skriniar. Per il Napoli, l’opportunità migliore ce l’ha avuta Lorenzo Insigne che, liberato da Mertens, a tu per tu con il portiere dell’Inter, cerca un difficilissimo pallonetto e spedisce la palla sul fondo della rete. Gli azzurri provano il forcing nel finale, ma ieri sera i difensori centrali dell’Inter, Miranda e Skriniar erano impenetrabili, poi, Icardi è stato molto abile quando ne ha avuto l’opportunità, di tenere palla, far salire la squadra e alleggerire la pressione.

Pareggio che quindi, costringe i partenopei ad inseguire la Juventus che è a +1 e con un partita in meno in casa contro l’Atalanta di Gasperini. Dopo aver raccolto un punto in due partite contro Roma e Inter, il sogno scudetto del Napoli si allontana, però la squadra e in generale tutto l’ambiente partenopeo ha il dovere di crederci fino a che la matematica lo permette, perché dopo la grande stagione disputata fin ora, non si può mollare a 10 partite dalla fine e con 30 punti ancora a disposizione.

Mario Ruggiero

Mi chiamo Mario Ruggiero, ho 24 anni, sono dottore in Scienze della Comunicazione. Amo far sentire la mia voce scrivendo, proprio per questo motivo ho deciso di farmi sentire tramite Linkazzato.it, in quanto giornale online molto innovativo che non ha alcuna sudditanza psicologica verso i poteri forti.