lunedì 19 novembre 2018
Ultime notizie

La voce del Fringe Festival

E45-Napoli-Fringe-FestivalDal 2009, su iniziativa del Festival che ne affida l’organizzazione all’associazione Interno 5, nasce l’E45 Napoli Fringe Festival, il festival ‘off’ che, come già accade in diverse rassegne internazionali, promuove autori e artisti emergenti. Il Fringe Festival napoletano prende nome dalla E45, la strada che, partendo da Karesuvanto in Finlandia, arriva fino a Gela in Sicilia, passando da Napoli. Così è andata fino all’anno scorso, poi le cose sono cambiate, come è riportato dalla lettera che riportiamo qui di seguito, firmata da  Ylenia de Falco, co-fondatrice di Interno 5.

L’autocompiacimento non è nel nostro stile, ma questo è quello che scriveva esattamente un anno fa Andrea Porcheddu su Linkiesta. Forse abbiamo esagerato con la “maestria organizzativa?”. Mi sembra giunto il momento, almeno da parte nostra, di interrompere il silenzio sul Fringe, un progetto a cui noi teniamo, è superfluo ribadirlo, per averlo fatto crescere con fatica e tenacia in tutti questi anni. Durante l’anno abbiamo ricevuto messaggi e sollecitazioni da compagnie ed istituzioni teatrali nazionali sulla pubblicazione del bando di selezione, così come annunciato lo scorso anno in ragione della cadenza biennale del progetto concordata insieme alla Fondazione Campania dei Festival. Sollecitazioni che provenivano non solo dalle compagnie emergenti, ma da tutti quegli operatori e critici interessati alla programmazione ed al monitoraggio di spazi e rassegne cosiddetti ‘Off’. Ogni domanda in tal senso rinnovava in noi l’amarezza di non riuscire ad avere alcun incontro con i vertici della Fondazione Campania dei Festival per avere da loro un riscontro su cosa stesse accadendo e sulle prospettive future. Fino ad una secca risposta dal Presidente che ad una nostra proposta d’incontro scriveva:  “Gentile dott.ssa De Falco, nel ringraziarla per la sua cortese mail le rappresento che, in ordine alla sua mail in data 8.4.2014, sebbene mi sia insediato da poco quale Presidente della Fondazione Campania dei Festival, ho comunque avuto modo di studiare il contratto che lega Fondazione e la vostra struttura. Non entro nel merito artistico della vicenda e sebbene io riconosca il valore del Festival FRINGE non posso al momento che rilevare che il contratto con la vostra spettabile Associazione è scaduto in data 31.12.2013. Si avrà modo in seguito di valutare la possibilità di eventuali future collaborazioni. Cordiali saluti”. E poi esce il bando dove tutti i riferimenti ad Interno 5 vengono semplicemente eliminati e tutto il resto è uguale. Nessun incontro, nessun confronto, nessuna spiegazione… Al di là di tutto, un cenno di qualsiasi tipo a chi lo ha curato fin dall’inizio, il Fringe, e riempito di contenuti, di idee, di energie, di fatica, lo avremmo ritenuto dovuto. Questo progetto è in totale continuità con il lavoro che Interno 5 svolge quotidianamente da più di dieci anni e con il compito che si è data di far emergere una nuova generazione di teatranti, siano essi attori, autori, registi, organizzatori, che con o senza l’etichetta E45 Napoli Fringe Festival andrà avanti.

 

 

 

Arianna Esposito

Direttore responsabile Linkazzato at Linkazzato
Giornalista pubblicista dal 2012, una laurea in sociologia e una sconfinata passione per l’universo delle parole, bilanciata da una certa avversità per quello dei numeri. A chi mi chiede dove ho lasciato il filo, rispondo che il filo, quello del discorso, raramente lo perdo.