lunedì 12 novembre 2018
Ultime notizie

La favola di Anita Ekberg, la diva della dolce vita di Fellini

fellini-marcello-mastroianni-and-anita-ekberg-la-dolce-vitaAnita Ekberg, è stata senza dubbio una ragazza fuori dagli schemi. Diventa Miss Venezia  a soli 19 anni, quando inizia la sua conquista del mondo e lascia la sua Malmo per scoprire Hollywood. Voleva camminare per le strade di Beverly hills per esplorare la bellezza dei divi del Cinema. Anita è  uno spirito libero, una bellezza che non passa inosservata e infatti viene notata da un agente in un negozio che le chiede di fare un provino. Si aprono così le porte del magico mondo dello star system, in pochi anni recita accanto a Jerry Lewis e D. Martin nel 1955. Bionda, giunonica, dotata di curve mozzafiato. Tutti vogliono Anita , anche detta “Miss Ghiaccio Bollente”. Siamo negli anni ’60, quando arriva  a Cinecittà e sposa Anthony Steel. In questo stesso anno Fellini viene folgorato da tale bellezza , diventerà famosa per la celebre scena del film “La dolce vita” che tutti ricorderanno, quella di lei che interpreta Silvia nella Fontana di Trevi con Mastroianni e la frase: “Marcello, come here!”. Con il successo arriveranno le seconde nozze nel 1972 con Rik Van Nutter. Nel 1978 finisce il suo secondo matrimonio e Anita si ritrova sola ad affrontare lo spettro di Silvia, il personaggio che allo stesso tempo l’ha resa celebre ma la ha anche soffocata in una veste che ha volta sente troppo stretta.
Con il film “L’intervista di Fellini” del 1987 si chiude un ciclo per Anita. Non è piu la sexy symbol di un tempo, è visibilmente ingrassata, ma gli affidano comunque ruoli da caratterista.Il 5 novembre 2010 sarà nella trasmissione televisiva “I migliori anni” condotta da Carlo Conti per il cinquantesimo anniversario de “La dolce vita” (1960).Con lei scompare un simbolo del cinema mondiale, ma anche di un’epoca unica, in cui hanno brillato stelle bellissime e irripetibili capolavori del grande schermo. Aveva 83 anni e da molto tempo era ricoverata in una clinica privata dei Castelli Romani senza potersi più muovere.