mercoledì 14 novembre 2018
Ultime notizie

Diritto d’autore: la Ue prepara la storica svolta

A più di un anno di distanza dalla  proposta di direttiva sul copyright da parte della commissione Europea, il testo sulle nuove regole del diritto d’autore verrà deciso il 5 Luglio.

Molte sono state le discussioni e i rinvii del Parlamento Europeo sulla questione del copyright inerente ai nuovi mezzi di comunicazione, ovvero internet, ma anche i social network che potrebbero ritrovarsi in una situazione alquanto spiacevole. Difatti il nuovo testo della direttiva sui diritti d’autore impone all’art. 11 l’obbligo  di acquisire i diritti, dunque pagandoli, nel caso utilizzino link a contenuti coperti da proprietà intellettuale. L’articolo 13 sancisce, invece, la responsabilità delle piattaforme nel momento in cui pubblicano contenuti caricati dai propri utenti, spettando dunque a loro controllarne la liceità e il rispetto del diritto d’autore.

Una vera svolta, in negativo per internet e i social network tanto da preoccupare uno dei suoi pionieri, Tim Berners lee, inventore del World Wide Web, che in una lettera al presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, mostra i suoi dubbi sugli obblighi del nuovo regolamento e le sue preoccupazioni  sul futuro della stessa Rete.

I dubbi che emergono sono soprattutto relativi all’art. 13 che potrebbe influire negativamente  sulle piccole piattaforme web, piuttosto che i colossi di internet, le quali sarebbero meno attrezzate nell’eventualità di porre in essere strumenti costosi per l’applicazione dello stesso.

La nuova normativa desta timore anche a Google, che nelle scorse settimane è intervenuto tramite il  portavoce Madhav Chinnappa, direttore per le relazioni strategiche, pubblicando la loro posizione al riguardo e soprattutto, invitando tutti i parlamentari europei a schierarsi contro tale testo di legge.

Quindi il 5 luglio sarà una data importante per conoscere l’esito di un lungo iter dibattimentale dove si scriverà il destino dei protagonisti della Rete.

Paola Esposito

Paola Esposito, laureanda in giurisprudenza, una grande passione per il cinema che coltiva fin da quando è adolescente, perchè al cinema la vita scorre come rappresentazione dei vizi e delle virtù degli individui, attraverso cui questi ultimi possono emozionarsi, capire, rivedersi nelle situazioni comuni e meno comuni.