mercoledì 23 Settembre 2020
Ultime notizie

Archivi dell'autore: Francesca De Grazia

La memoria di ogni uomo è la sua letteratura privata

Qualcuno ha scritto che “i nostri atti ci seguono“, e forse pensava ad un parziale risarcimento per quanto, durante la nostra vicenda umana, riusciamo a dare o a fare. Credo ... Continua a leggere »

Di tutto quanto è scritto io amo solo ciò che uno scrive col sangue

Ho sempre pensato che quando si scrive si è costretti a guardarsi dentro, in quanto si è soli con se stessi, si sente il proprio respiro, si vedono le immagini ... Continua a leggere »

Bentornati a teatro. Dove tutto è finto ma niente è falso.

La lieta novella è giunta: lunedì 6 luglio, dopo una lunga assenza imposta dal Covid-19, le porte del Teatro alla Scala saranno spalancate al pubblico; gli amanti della lirica, del ... Continua a leggere »

FELICE CHI E’ DIVERSO, ESSENDO LUI DIVERSO.

Non avevo mai avuto il coraggio di guardare interviste rilasciate da Ezio Bosso prima della sua malattia, perché ero consapevole di possedere una sensibilità troppo acuta da non lasciarmi coinvolgere ... Continua a leggere »

E poi, il nulla. Forse solo… il rumore del silenzio.

Lo sguardo ragionato e pacato tipico dei poeti, la fragilità di un animo incline alle verità più accecanti, la compostezza di chi ha fatto della meditazione buddista il suo vademecum ... Continua a leggere »

QUANDO MUORE UNO SCRITTORE SIAMO TUTTI PIU’ SOLI

La morte è sempre orribile, ma quando a morire è uno scrittore o un poeta, un artista, lo è ancora di più perché pone fine a un pezzo di quella ... Continua a leggere »

SPEGNETE LA TV, ACCENDETE LA LIBERTA’!

La televisione è maestra, a volte cattiva, ma in modo non prevedibile; la televisione intesa come strumento di condizionamento dei cervelli, di omologazione dei gusti, nonché come veicolo straordinario per ... Continua a leggere »

Sulla necessità di non esserci

Insondabile, profondo, con emozioni violente che si agitano sotto la superficie. Enigmatico, pensieroso, il volto rigato da quel velo di malinconia tipico dei poeti, perché in fondo è di un ... Continua a leggere »

“Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”.

Figura di indubbia importanza nel panorama letterario internazionale e padre della lingua italiana, Dante Alighieri inaugurava il suo viaggio ultraterreno nell’aldilà il 25 marzo del 1300, omaggiandolo nel suo capolavoro: ... Continua a leggere »

LA FINESTRA SULL’ABISSO CHE MINACCIA DI INGHIOTTIRCI

Apro la finestra e osservo uno scenario spettrale da guerra post atomica, dove non è l’atomo il protagonista ma un virus. Simile ad un quadro di Klimt, un romanzo di ... Continua a leggere »