lunedì 21 Settembre 2020
Ultime notizie

Totò che padre!” di Roberto Giordano al Teatro cerca casa

Sabato 2 marzo alle ore 20.30, continua il tour domestico del Teatro cerca Casa, con “Totò che padre!” scritto e diretto da Roberto Giordano, anche interprete dello spettacolo insieme a Federica Aiello. Il lavoro teatrale è un omaggio al grande attore comico napoletano Antonio De
Curtis, che viene ricordato attraverso gli scritti, le canzoni,
le poesie e le memorie della figlia Liliana. Lo spettacolo va in scena in uno degli appartamenti del circuito teatrale Il Teatro cerca Casa in zona Vomero (Napoli). Per partecipare all’evento, è
necessaria la prenotazione chiamando ai numeri 3343347090 – 3470963808 – 081 5782460,
oppure attraverso il sito www.ilteatrocercacasa.it. A chi prenota verrà svelato
l’indirizzo del luogo che ospita lo spettacolo.

In scena i due attori
interpretano un marito e una moglie, che, tra piccoli battibecchi e scaramuccie
di coppia, rappresenteranno uno spaccato dell’amatissimo comico: i primi
debutti, le prime macchiette, il rapporto con le donne, la morbosa gelosia, le
canzoni inedite. Il poliedrico artista Totò viene rappresentato da tutti i
punti di vista possibili, nelle sue sfaccettature poetiche e umane. Ma
soprattutto, emerge il racconto umano di una parte della sua vita, vista con
gli occhi della figlia Liliana: «(…) gli unici, credo, che abbiano
saputo guardare oltre il sipario che nascondeva la sua anima». Antonio Ghirelli, uomo di cultura, napoletano,
scriveva: «Totò non è solo un attore immenso, ma è anche la figura
forse più conosciuta e, per certi versi, insostituibile dell’Italia
contemporanea e, con ogni probabilità, vivrà finché sarà viva la tradizione
culturale e sociale che l’ha generata».

“Totò, che padre!” vuole essere un viaggio nella vita del Principe
De Curtis attraverso alcuni aneddoti significativi, un contributo artistico
alla memoria di uno degli interpreti più significativi della nostra
cultura, indimenticabile artista della nostra storia. A proposito del suo
lavoro, spiega il regista Roberto Giordano: «Lo spettacolo a lui
dedicato, si propone di onorare, con una rivisitazione storica, sotto forma di
spettacolo teatrale, la vita e la carriera di un’artista unico, che ha fatto
ridere generazioni di italiani, prima in teatro, poi al cinema ed infine in
televisione».

Arianna Esposito

Direttore responsabile Linkazzato at Linkazzato
Giornalista pubblicista dal 2012, una laurea in sociologia e una sconfinata passione per l’universo delle parole, bilanciata da una certa avversità per quello dei numeri. A chi mi chiede dove ho lasciato il filo, rispondo che il filo, quello del discorso, raramente lo perdo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: