venerdì 16 novembre 2018
Ultime notizie

SAN GIUSEPPE VESUVIANO “FA PIAZZA PULITA” CON LA GIORNATA ENERGIE E AMBIENTE E PER I PIU’ PICCOLI UNA SORPRESA A DUE RUOTE

Green-EconomyEnergie ed Ambiente, un binomio fondamentale per percorrere la strada della salvaguardia del territorio. In questa direzione si inserisce a pieno titolo la giornata “Energie e Ambiente in Piazza” domenica 29 novembre (Piazza Garibaldi, 9.00/14.00), organizzata dal Comune di San Giuseppe Vesuviano, in collaborazione con l’ANEA (Agenzia Napoletana Energia e Ambiente), Cittadini per l’Ambiente e il I° Circolo Didattico San Giuseppe Vesuviano.

 

L’iniziativa, voluta fortemente dagli Assessori Luigi Miranda ed Enrico Ghirelli, rientra nell’ambito della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR– 21>29 novembre 2015) e prevede la presenza in piazza di stand espositivi e infopoint relativi ai settori del Riciclo, Riuso e trattamento dei Rifiuti, Tutela dell’Ambiente, Ecologia, Efficienza Energetica ed Energie Rinnovabili.

Nel corso della giornata, ampio spazio sarà dedicato alle numerose iniziative speciali pensate anche per i più piccoli che potranno partecipare all’estrazione di una bicicletta. Per chi, poi, vorrà cimentarsi con l’arte del riciclo in tutte le sue forme, ci sarà la possibilità di prendere parte a laboratori di riciclo creativo, partecipare agli scambi di giocattoli e libri e ammirare da vicino le originali creazioni della Mostra RICICLarte, a cura degli allievi dell’Istituto d’Arte Bruno Munari di Acerra.

Infine per i cittadini che intendono approfondire tecniche e strumenti necessari per una corretta gestione dei rifiuti e dei consumi energetici, sarà messo a disposizione un Ecosportello rifiuti e un Punto di raccolta di oli esausti, assieme a Corsi di Compostaggio domestico e Laboratori sulle Energie Rinnovabili.

Arianna Esposito

Direttore responsabile Linkazzato at Linkazzato
Giornalista pubblicista dal 2012, una laurea in sociologia e una sconfinata passione per l’universo delle parole, bilanciata da una certa avversità per quello dei numeri. A chi mi chiede dove ho lasciato il filo, rispondo che il filo, quello del discorso, raramente lo perdo.