mercoledì 14 novembre 2018
Ultime notizie

Napoli non è un b-movie. Di Claudio Menna.

Gli Italiani amano crogiolarsi nelle guerre degli altri, ma le nostre, quelle che viviamo in casa, sono un po’ come i b-movie di Steven Steven Seagal,
hanno un pubblico di nicchia.In quartieri a rischio dove lo Stato latita da anni (eccetto che in campagne elettorali da 25 euro a voto, ben nascosti in pacchetti di Marlboro rosse) ci si chiede ancora come mai il popolo non riponga speranza alcuna nelle Istituzioni.
Nei suoi b-movie Steven non prende mai un pacchero, mai un cazzotto o un calcio nel culo, anzi. 

Le mena come se non ci fosse un domani, anche se si ritrova solo contro 10 energumeni armati fino ai denti e dal volto coperto

Se ci fosse lui con la sua task force d’assalto in quartieri come la Sanità, Scampia, Forcella allora le cose andrebbero diversamente , i cattivi perderebbero gusto a prendere calci sui denti dalla mattina alla sera, ma questo purtroppo non è il suo ennesimo filmetto, questa è la vita di tutti i giorni. I giovani innocenti continuano a morire, i commercianti continuano a pagare il pizzo, i poliziotti di turno continuano a prendere mazzette nelle basi di spaccio , i politici di turno continuano a dare e ricevere mazzette per assicurarsi la loro fetta di torta e lo stato si gode questo grande e macabro spettacolo dall’alto del suo palazzi di vetro.
La risposta del Popolo Napoletano (quello buono, che per fortuna è la maggioranza) è sempre la stessa.

‘O Napulitan se fa sicc, ma nun more, si piega ma non si spezza.

Si continua a lottare ogni giorno, per togliere dalla boccha dei furfanti di turno quel pezzo di torta estorto con la forza e l’arroganza. E come recita la frase che onora il ricordo del giovane Gennaro Cesarano ( ucciso in un agguato di camorra lo scorso 6 settembre ) sulla maglia di questo ragazzino incontrato ieri in piazza del Plebiscito per la marcia contro la Camorra : 

Il sole non lo spegni se lo spari

Testo e foto Claudio Menna.

  

Luciana Latte

Photo Editor at Visual Instant
Biography of Luciana Latte Three rules that I live by: Rule number one: love, work, and passion always walk together.Rule number two: be curious. I feel a constant, powerful drive to photograph in the streets and capture the stories of life.Rule number three: create. I was born in Naples in 1970 and I have spent my life here. But I am always ready to hop on a flight to seek out the next Photographic adventure, which could be anywhere. In January I was shooting in Thailand and in February Benin When I am in Naples, however, I never forget to test new photographic expressions and to visit the local exhibits.Three rules and one challenge: continue to capture new images.

Latest posts by Luciana Latte (see all)