lunedì 19 novembre 2018
Ultime notizie

Con Moby Health, shopping all’aria aperta per tutti

products_022Un outlet a cielo aperto, in Italia ce ne sono molti e quello di Valmontone (Roma) è stato tra i primi.
Fare shopping all’aria aperta piuttosto che nell’asettica atmosfera dei centri commerciali al chiuso, è tutta un’altra storia.
Oltre ai vantaggi bene evidenti dei servizi messi a disposizione dai fashion district del Belpaese, ce ne sono tanti altri forse meno noti ma altrettanto importanti.
Stiamo parlando degli ausili a chi soffre di disagi motori, in questa direzione si inserisce il piano di sviluppo di Moby Health, la start up innovativa che che progetta, sviluppa, sperimenta, produce e distribuisce dispositivi medici ad alto valore tecnologico in grado di soddisfare sia la “richiesta di mobilità” delle persone affette da disagi motori, sia  le “esigenze di orientamento e di sicurezza dei disabili sensoriali.
L’azienda sposa  i principi sociali della ONLUS Libero di Partecipare e ha concretamente contribuito alla promozione della campagna di sensibilizzazione “Progetto Socialità Accessibile” attraverso la donazione di una flotta di n. 20 mobility scooter MH – S04.
E ricordiamo che proprio per far conoscere i propri obiettivi, dare informazioni e sensibilizzare alla tematica, l’Associazione Onlus Libero di Partecipare, negli scorsi mesi, ha organizzato degli info-point presso i Fashion District Outlet di Valmontone (Roma) e Molfetta (Bari) ed ha dato la possibilità ai visitatori di “provare su strada” tali apparecchi, il loro funzionamento, la loro efficacia ed utilità.
I pareri degli utilizzatori sono stati unanimi; potersi muovere senza la paura di stancarsi o addirittura peggiorare la propria condizione fisica è una possibilità concreta e Libero di Partecipare si sta impegnando affinché ciò sia fattibile su larga scala.

Arianna Esposito

Direttore responsabile Linkazzato at Linkazzato
Giornalista pubblicista dal 2012, una laurea in sociologia e una sconfinata passione per l’universo delle parole, bilanciata da una certa avversità per quello dei numeri. A chi mi chiede dove ho lasciato il filo, rispondo che il filo, quello del discorso, raramente lo perdo.