mercoledì 21 novembre 2018
Ultime notizie

Città della scienza: riapre il Planetario, il più avanzato in Italia

Nel 2013 un incendio devastò la città della scienza, il polo di intrattenimento scientifico più importante sul territorio campano, ma domani quel tragico incendio oggi è un ricordo lontano, perché in data odierna è stato inaugurato il Planetario.

L’apertura del Dome, questo il nome della nuova struttura, si è svolta alle 10 di stamattina, Domenica 19 Marzo, seguita dalla proiezione del docu-film <<alla scoperta del sistema solare>>. I giorni di apertura sono dal Martedì al Sabato (9-15), la Domenica e festivi (10-17). Il Dome sarà uno dei planetari più grandi e  all’avanguardia in Italia con un diametro di venti metri, 120 posti e una tecnologia che immergerà il visitatore nelle meraviglie dell’universo, tra pianeti, costellazioni e tanto altro.corporea-3

Accanto alla novità del planetario, vi è Corporea, il primo museo interattivo del corpo umano in Europa, inaugurato il 5 Marzo, strutturato in 13 isole tematiche e 100 istallazioni multimediali, su una superficie di 5.000mq, dedicato alla conoscenza del corpo umano e alla prevenzione delle malattie.

La nuova città della scienza è rinata grazie alla generosità delle persone che hanno contribuito a raccogliere i fondi necessari, circa due milioni di euro, per ricominciare ad offrire al territorio un punto di riferimento scientifico, soprattutto per i più piccoli che come sempre potranno svolgere attività interessanti.

ff

Il costo del biglietto è di 10,00€ per adulti e 7,00€ per bambini e ragazzi (3-17 anni ) e over 65. Il biglietto  per visitare il planetario è unico per adulti e bambini al costo di 5,00€. Molte le riduzioni per i gruppi scolastici e studenti universitari.

e

Paola Esposito

Paola Esposito, laureanda in giurisprudenza, una grande passione per il cinema che coltiva fin da quando è adolescente, perchè al cinema la vita scorre come rappresentazione dei vizi e delle virtù degli individui, attraverso cui questi ultimi possono emozionarsi, capire, rivedersi nelle situazioni comuni e meno comuni.