giovedì 15 novembre 2018
Ultime notizie

Champions Cup: bene l’Inter contro il Real Madrid, disastro per il Milan

mauro icardi interPrima dell’inizio del campionato 2014/2015, le due squadre di Milano, il Milan e l’Inter, sono impegnate in una tournée negli Stati Uniti che si concluderà settimana prossima. L’Inter, dopo l’uscita dei rossoneri e della Roma, era l’unico club a rappresentare l’Italia nella Champions Cup. Ed i nerazzurri sono riusciti a battere il Real Madrid ai calci di rigori. Partita sofferta, dove gli spagnoli hanno dominato ed Handanovic e la difesa nerazzurra hanno lasciato a desiderare. Al 3’Bale, di testa, colpisce la traversa, ma al 10’ riesce a sbloccare il risultato con un tiro potente che sorprende l’estremo difensore avversario. Nella ripresa Sobrinho spinge il difensore Vidic che cade in area di rigore. L’arbitro affida il penality all’Inter che viene realizzato da Mauro Icardi con un perfetto tiro al centro. Nonostante il Real Madrid sia privo dei titolari, la squadra di Milano non riesce a trovare il vantaggio e finisce, così, ai rigori: Nagatomo si fa parare il tiro, mentre M’Vila colpisce il palo. Alla fine, il decimo penality lo sigla ancora Icardi che porta a casa la vittoria per 3-2 dimostrando che, nonostante si parli di lui tutti i giorni sui social network per la sua relazione con Wanda Nara, è un professionista nel suo lavoro. Passando al Milan, invece, l’avventura alla Champions Cup diventa sempre più un incubo. Dopo aver perso per 3-0 con l’Olympiacos, adesso è il turno di una pesante sconfitta contro il Manchester per 5-1. Bastano solo trenta minuti agli inglesi per siglare quattro gol. I rossoneri accorciano le distanze al 42’ con Muntari che, sfruttando un errore di Boyata, insacca la porta. Il debutto di Filippo Inzaghi sulla panchina del Milan non è stato dei migliori. È necessario puntare sul calciomercato e comprare calciatori dai nomi importanti se si vuole essere competitivi nel prossimo campionato di Serie A.

Charlotte Trombiero

Redattrice at Linkazzato.it
Nata a Varese, nel 1991, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi dell'Insubria nel dicembre 2013 con una tesi storica su Simon Wiesenthal, il cacciatore dei nazisti. Grande passione per il mondo della scrittura in generale ed, in particolare, del giornalismo e per le lingue straniere.