mercoledì 14 novembre 2018
Ultime notizie

Kiev attacca l’est del paese occupato da forze filorusse

Schermata 04-2456764 alle 11.24.00Non è tardata ad arrivare la risposta di Kiev all’occupazione da parte di filorussi di vari palazzi del potere in una decina di citta’ nell’est del Paese. Secondo i media russi, l’attacco ha lasciato sul terreno dai quattro agli 11 morti, oltre ad alcuni feriti: sarebbero tutti fra gli animatori della protesta. Il blitz condannato da Mosca, ma sostanzialmente compreso da Washington pur ammettendo – per bocca del portavoce della Casa Bianca – che la situazione si va facendo di ora in ora più “pericolosa”, sembri annunciare una vera e propria guerra civile. Le forze militari di Kiev, sotto una missione definita di “antiterrorismo” si sono rimpossessate dell’aeroporto di Kramatorsk, vicino a Sloviank, Ucraina orientale. Poco dopo l’annuncio del presidente a interim Oleksander Turchinov: le forze ucraine hanno ripreso il controllo del campo aereo militare di Kramatorsk. In merito il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato: «Mosca è profondamente preoccupata dalle notizie sulle vittime come risultato di una operazione di forza svolta da Kiev nell’est dell’Ucraina». E ancora, «Noi condanniamo con forza e domandiamo lo stop delle cosiddette iniziative collegate al dispiegamento delle forze di sicurezza e delle unità dell’esercito, in violazione di tutte le norme della legge ucraina ed internazionale» questo comportamento «annullerà l’occasione offerta dalla riunione quadripartita a Ginevra» prevista dopodomani tra Usa, Russia, Ucraina e Ue, aveva affermato Lavrov in Cina: «Non si possono inviare i carri armati e nello stesso tempo tenere un dialogo». D’altro canto Kiev spinta dai nazionalisti di Maidan, che chiedevano risposte forti, ha deciso di far scattare l’operazione, «I progetti della Russia sono stati e restano brutali. Vogliono prendersi non solo il Donbass (il bacino del Don), ma tutto l’est e il sud dell’Ucraina dalla regione di Kharkiv a quella di Odessa», ha allarmato il presidente ad interim Oleksandr Turcinov annunciando l’attacco a nord della regione di Donetsk. Non ancora chiare le circostanze del blitz nel quale pare siano stati usati pure alcuni caccia. Una situazione che secondo l’occidente è di difficilissima risoluzione politica, di fatto Mosca con i suoi 40 mila soldati schierati al confine ucraino sono una poco male giustificata provocazione di non poco conto; un’intercettazione telefonica diffusa dai servizi segreti ucraini dimostrerebbe, inoltre, come sia Mosca a tenere le redini di quanto succede nell’est ucraino. Intanto i filorussi incuranti degli ultimatum di Kiev e più tardi dell’ultimo attacco, «Meglio morti che con il nuovo potere di Kiev, quelli non sono ucraini, sono eurofascisti, servi degli americani».
Se vuoi ascoltare l’articolo letto dalle nostre redattrici clicca qui
      21970