venerdì 16 novembre 2018
Ultime notizie

Un primo piatto da re: il Timballo di bucatini in crosta

foto ricetta timballo di bucatini in crosta

Foto: web

Per gli amanti della pasta, questa è la ricetta giusta: il timballo di bucatini in crosta. Un primo facile e squisito a base di formaggi, basilico e prosciutto cotto. La “crosta” invece è un impasto aromatizzato al marsala, a base di farina, uova e pochissimo burro. Una vera leccornia da re che soddisferà occhi e palati.

 

 

Ingredienti per 6 persone:

  • Farina 00 – 250 gr
  • Burro – 165 gr
  • Uova – 2 tuorli
  • Sale – quanto basta
  • Pepe – quanto basta
  • Marsala  -½ bicchierino
  • Bucatini – 500 gr
  • Prosciutto cotto – 70 gr
  • Noce moscata  – un pizzico
  • Parmigiano grattugiato – 80 gr
  • Groviera grattugiato – 80 gr
  • Basilico – quanto basta
  • Latte – ½ tazzina

Preparazione

Per prima cosa preparare la “crosta”: impastare a lungo la farina, 40 gr di burro, i due tuorli, il sale, il pepe ed il mezzo bicchierino di marsala. Miscelare gli ingredienti con un po’ di acqua tiepida per rendere il composto di consistenza media. Una volta pronto l’impasto, avvolgerlo in pellicola trasparente e lasciarlo in frigo per un’ora. Nel frattempo, portare al bollore una pentola colma di acqua salata e cuocere, quindi, i bucatini. Quando la pasta sarà cotta “al dente”, scolarla e condirla con i 125 gr di burro restanti, con il prosciutto cotto tagliato a cubetti, il pizzico di noce moscata, il basilico tritato, il parmigiano ed il groviera grattugiati. Riprendere l’impasto base dal frigo e dividerlo in due parti, di cui una circa il doppio dell’altra. Imburrare uno stampo per timballi e stendere, con il mattarello il panetto di impasto più grande. Foderare quindi con esso lo stampo, riempire con i bucatini conditi e versare sul timballo la mezza tazzina di latte. Stendere anche il panetto di dimensioni minori e ricoprire il timballo con esso. Sigillare accuratamente i bordi. Cuocere in forno caldo a 200°C per circa 30 minuti o fin quando si sarà formata una “crosticina” croccante (ma non troppo dura) e dorata. Lasciar intiepidire e capovolgere su un piatto da portata. Buon appetito.

Bruna Di Matteo