giovedì 15 novembre 2018
Ultime notizie

Traveler's Choice Beaches Awards 2013, la spiaggia più bella del mondo è a Lampedusa

foto spiaggia dei conigli

La Spiaggia dei Conigli. Fonte: ansa.it

Ancora pochi mesi ed è tempo di vacanze: già da queste settimane gli italiani sono alle prese con cataloghi e siti on-line per la scelta della meta perfetta dove trascorrere il meritato riposo. Molti, catturati dal desiderio di evasione, mirano a località estere europee e non. Ma quest’anno la vacanza ideale è proprio “sotto casa”. Difatti, la Spiaggia dei Conigli di Lampedusa è la più bella del mondo: è quanto deliberato da Tripadvisor, il famoso sito di recensioni di viaggi, che con il Traveler’s Choice Beaches Awards 2013 ha posto sul gradino più alto del podio, su un totale di 276 località esaminate, uno dei più celebri tesori turistici della Sicilia. Come certifica la società, a conferire l’onorevole titolo all’isola siciliana sono i colori “caraibici” del mare cristallino e della sabbia bianca che si fa largo tra costoni di roccia arricchiti da macchia mediterranea.
Un luogo incontaminato, grazie alla riserva naturale gestita da Legambiente per conto della regione Sicilia, dove ogni anno a primavera inoltrata le tartarughe marine “Caretta Caretta” depositano le loro uova nella parte orientale della spiaggia . Come osserva Sebastiano Venneri, Responsabile mare di Legambiente: “La cosa emblematica è che la Spiaggia dei Conigli riassume la natura e il turismo: l’estrema naturalità connessa all’unica nidificazione conosciuta delle tartarughe marine nel sud Italia e il legame con un turismo di massa, sebbene contingentato. L’abilità è stata di tenere insieme queste due esigenze. Inoltre, l’accessibilità a questa baia è migliorata; tutti i lavori infatti hanno recuperato percorsi di accesso alla spiaggia anche grazie ai progetti Life“. Tra l’altro Venneri ci racconta di una spiaggia “strappata a un destino di abusivismo”:

“La storia della Spiaggia dei Conigli è di quelle ‘classiche’ della Sicilia del degrado; basti pensare che la zona del belvedere, una terrazza meravigliosa che domina l’insenatura, era fino a vent’anni fa un parcheggio, ci sono immagini terribili degli anni ’80 in cui tutta la spiaggia era una distesa di camper che vendevano panini e bibite. In questo, si deve molto al lavoro di ripristino di legalità, un percorso difficile e faticoso

Una piccola ma significativa vittoria,non c’è che dire, di una regione che lotta e che ha voglia di rinascere.

La classifica italiana comprende, dopo la Spiaggia dei Conigli di Lampedusa, la Pelosa di Stintino (Sardegna), quest’ultima ottava nella classifica europea, Cala Marioli di Orosei (Sardegna), la Baia del Silenzio di Sestri Levante (Liguria), la Spiaggia di Tuerredda a Teulada (Sardegna), quella di San Vito lo Capo (Sicilia), di Tropea (Calabria), Cala Brandinchi (Sardegna), la Spiaggia del Fornillo a Positano (Campania) e Cala Goloritze a Baunei (Sardegna). Mentre la classifica internazionale di Tripadvisor mette al secondo posto i Caraibi, con la Grace Bay nell’isola di Providenciales nell’arcipelago di Turks and Caicos, non lontana da Cuba, anch’essa caratterizzata da sabbia bianca e fondali color cobalto. Al terzo posto la spiaggia di Whitehaven, in Australia, più precisamente nell’isola di Whitsunday; a seguire la Baia do Sancho, a Fernando de Noronha in Brasile, e la Flamenco Beach a Culebra, Portorico. Insomma, le proposte sono illimitate ma prima di puntare all’estero ricordiamoci che i nostri territori ci regalano tantissime meraviglie di cui la maggior parte degli italiani non ne conosce nemmeno l’esistenza.. e che soprattutto…come dimostrato…non siamo secondi a nessuno.

 

Bruna Di Matteo