venerdì 16 novembre 2018
Ultime notizie

Sanremo2014. Pagelline semiserie seconda puntata

Sanremo-2014-le-pagelle-della-seconda-serata-Premettendo che, cari cantanti in gara a Sanremo2014, vi manderei quasi tutti a fare lezione dalla mia insegnante di canto, non per qualcosa, ma pare che per partecipare ad un festival della canzone bisogna sapere cantare. Così dicono. Che poi non è così chiaro se è un festival della canzone, o il Premio Tenco, o la meno opportuna Cantina di Bacco, del tipo, nun fa niente che stonamo namo a strimpellà.
Francesco Renga
Adesso non è che uno vuole infierire, te lo giuro Francè, mi stai pure simpatico assaje. Però non è che uno deve per forza partecipare ogni anno a Sanremo. Non so, a febbraio ci so tante cose da fa, le settimane bianche per esempio. Il fatto è che la tua voce la sentiamo a Sanremo da quanto? Il 1999? Sei bravo per carità ma la storia non cambia molto. Passa Vivendo Adesso quotata alla vittoria, al posto di A un isolato da te.
Giuliano Palma
Ad un certo punto credevamo che uscisse la Nina Zilli intonando Per Sempre, mentre con un aplombe da carpentiere (massimo rispetto per tutti i carpentieri in ascolto) Giuliano Plama presentava Cosi lontano, il ritmo sta lì. Fino alla fine dal testo, Giulià, non si capisce se a questa signora la vuoi o no, forse il fascino del mistero ha colpito la giuria che l’ha scelta. Scartata Un bacio crudele, qui temevamo che uscissero le Supremes a reclamare la paternità del beat. Giulià ma la voce dove l’hai lasciata?
Noemi
Noemi non sei credibile nei panni della Bjork dei noartri. A parte che arrivi seconda, Meg ci prova da millenni. Ma poi stai vestita in quel modo e ti agiti come Cindy Lauper chiedendo di battere le mani? Problemi di personalità multiple? Passa Bagnati dal Sole: uscita dalla depressione la cantante ce lo voleva far sapere, e siamo felici perché ci piace tanto. Un uomo è un albero più intimista, non ce la fa.
Renzo Rubino
Partecipa a Sanremo Giovani nel 2013 piazzandosi al terzo posto per chi si fosse domandato – solo per un attimo però eh – ma chi è? Ah quello che l’anno scorso era vestito come Jack Sparrow, che ci fa nei big? Peccato che non sia anche così simpatico, in Adesso o mai più qualcuno in sala ha minacciato di arrampicarsi sul balcone, non per protesta ma per suicidio. La security ha consigliato il bagno. Passa, dunque, Ora più svelta ed orecchiabile.
Ron
E’ uno della scuola schitarrate stonate da bar di cui sopra. Soprattutto in Sing the rain che ahinoi viene promossa. Ma solo perché Un abbraccio unico faceva l’effetto del Rubino e somigliava al sound di Ron. Caro ci piaci meno Ron e più smart.
Riccardo Sinigallia
E’ bravo Sinigallia ci regala attimi di musica che riescono perfino ad andare oltre le dinamiche sali scendi e le batterie preponderanti, scoprendo l’uso, incredibile!, di altri strumenti dai suoni splendidi. Un po’ ripetitivi i testi, passa Prima di andare via, peccato, Una rigenerazione sapeva più di nuovo.
Francesco Sarcina
Non riesce a staccarsi sul serio da “Le Vibrazioni”, quindi le emula. Potrebbe anche risponderci, ma io così so cantà. Eppure c’hai ragione. Ma non ci convinci proprio. Somigli a Renga quando aveva ancora la voce da tenore, e già ne abbiamo espresso parere. Passa Nel tuo sorriso, scartata In questa città.