martedì 2 Giugno 2020
Ultime notizie

PUTIN INCONTRA KIM JONG-UN

Il summit del 24 aprile ’19 fra i due leader Far Eastern Federal University di Vladivostok è iniziato con una stretta di mano fra il presidente russo e il leader nordcoreano.
La stretta di mano è apparsa il simbolo di una grande sintonia fra i due capi di Stato, segnale importante di una sinergia fra Mosca e Pyongyang che può cambiare il quadro della penisola coreana e dell’Asia orientale.
Per Kim si tratta di dimostrare al mondo che è un leader riconosciuto da tutte le grandi potenze, e che non parla sono con Trump e Moon. Per Putin, l’incontro significa soprattutto entrare nello scacchiere asiatico
Putin si è congratulato con il suo interlocutore per la rielezione a leader supremo della Corea del Nord e ha detto di essere soddisfatto del processo di pace avviato nella penisola coreana: “Accogliamo i vostri sforzi per il dialogo tra le due Coree e i vostri sforzi per normalizzare le relazioni tra Corea del nord e Stati Uniti“. “Naturalmente“, ha aggiunto Putin, “nelle nostre relazioni bilaterali abbiamo molto da fare per migliorare i rapporti commerciali e i contatti umanitari. Benvenuto“.

L’auspicio di Mosca è che la denuclearizzazione della Corea del Nord passi anche per il Cremlino.
Kim ha ringraziato Putin per l’incontro, e ha ricordato i legami “tradizionalmente forti” tra Russia e Corea del Nord. Secondo il leader di Pyongyang, “la questione della penisola coreana è di interesse per la comunità internazionale“.
Kim vuole dimostrare a Donald Trump e alla Corea del Sud che non sono gli unici con cui si vuole interfacciare per la denuclearizzazione della penisola.
Putin, invece, ha già fatto capire di volere che al Russia sia coinvolta pienamente nello scacchiere asiatico.
Il leader nordcoreano ha ringraziato Putin per l’incontro, augurandosi che questo sia solo il primo di una serie di incontri fra i due capi di Stato. “La ringrazio per lo splendido tempo e spero che i nostri negoziati continuino nello steso modo, fruttuoso e costruttivo“, ha detto Kim dopo l’incontro di Vladivostok.
Putin, invece, ha detto di volere una soluzione “diplomatica e pacifica” per quanto riguarda la questione nucleare della penisola coreana. Come affermato dall’agenzia sudcoreana Yonhap, al termine delle tre ore di summit con Kim, il presidente russo ha detto che “la Russia continuerà negli sforzi per la riduzione delle tensioni nella penisola coreana”.

Lorenzo Masucci

Mi chiamo Lorenzo Masucci, ho 25 anni , sono laureato in Giurisprudenza presso la Federico II .Amo far sentire la mia voce scrivendo, proprio per questo motivo ho deciso di farmi sentire tramite Linkazzato.it, in quanto giornale online molto innovativo che non ha alcuna sudditanza psicologica verso i poteri forti.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: