domenica 18 novembre 2018
Ultime notizie

I politici parlano mentre la gente muore. Cosa dobbiamo aspettarci? – La lettera di un cittadino “inkazzato” – GUARDA SCHEMA STIPENDI PARLAMENTARI

camera

Camera dei Deputati. Fonte: qn.quotidiano.net

Vi scrivo perchè sono inkazzato in quanto in questo nostro Paese si parla, si parla…e intanto la gente muore. Muore per la vergogna, per colpe dovute a questi signori politici nazionali e locali. Basta Grillo, Basta Berlusconi, Basta Pd. Basta a questi insulsi personaggi che pensano unicamente ai propri interessi mentre noi cittadini onesti siamo costretti a combattere la guerra dei poveri. I politici provino a vivere di solo stipendio, di pensione di anzianità, di vecchiaia, di invalidità. Che provino a vivere con circa 1000 euro al mese. Il paradosso poi è che spesso chi ha una vera e comprovata invalidità al 90% e/o al  100% non gli viene manco riconosciuta dallo Stato: Perché? Me lo chiedo spesso ma non riesco ancora a darmi una spiegazione valida. Una spiegazione valida che nemmeno lo stesso Stato riesce a dare. Accludo prospetto mensilità nostri Parlamentari per farvi notare come sono interessati i politici del  nostro futuro benessere. Vergogna!

Gianni, un cittadino inkazzato

Quanto percepiscono i Parlamentari italiani

Fonte: Camera dei Deputati e Senato Camera dei Deputati

Camera dei Deputati

Indennità parlamentare: netti mensili € 5.264,54 (Per i deputati che svolgono un’altra attività lavorativa, l’importo netto dell’indennità ammonta a circa 5.014,54 eur0)

Diaria (rimborso spese di soggiorno a Roma): mensili. La cifra è ridotta di 206,58 euro per ogni giorno di assenza dalle sedute assembleari in cui sia prevista una votazione; €3.503,11

Rimborso per spese inerenti rapporto eletto-elettori: mensili con esclusione delle spese postali; € 3.690,00

Spese di trasporto e viaggio: I deputati usufruiscono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale. Per i trasferimenti dal luogo di residenza all’aeroporto più vicino e tra l’aeroporto di Roma Fiumicino e Montecitorio, è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3.323,70 euro, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l’aeroporto più vicino al luogo di residenza, ed a 3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km; €1.107,90(Importo considerato € 3.323,70/3)

Spese telefoniche: 3.098,74 euro annui, cifra forfettaria; € 258,23 mensili

Moltiplicate per 630 Deputati dell’ Attuale Legislatura

Totale x Deputato € 13.823,78

Senato della Repubblica

Indennità parlamentare: netti mensili € 5.304,29 (5.122,19 per coloro i quali svolgano attività lavorative)

Diaria: 3.500 euro mensili. Tale somma viene ridotta di un quindicesimo se il Senatore non partecipa almeno al 30 per cento delle votazioni effettuate nell’arco della giornata; €3.500,00

Rimborso delle spese per l’esercizio del mandato: 4.180 euro mensili corrisposti direttamente al Senatore; € 4.180,00

Rimborso forfettario delle spese generali: 1.650 euro mensili. Tale rimborso forfettario comprende le spese accessorie di viaggio e le spese telefoniche; € 1.650,00

Spese di trasporto e viaggio: i Senatori usufruiscono di tessere strettamente personali per i trasferimenti sul territorio nazionale, mediante viaggi aerei, ferroviari e marittimi e la circolazione sulla rete autostradale;

Moltiplicate per 318 Senatori dell’ Attuale Legislatura

Totale x Senatore € 14.634,29