lunedì 19 novembre 2018
Ultime notizie

Muore Nelson Mandela

Nelson MandelaÈ morto stasera, 5 dicembre 2013, a Johannesburg Nelson Mandela, il Gandhi nero. Aveva 95 anni. Il primo allarme il 28 marzo 2013: infezione polmonare. È stato annunciato pubblicamente alla Nazione, stasera, con un intervento televisivo di Jacob Zuma, l’attuale presidente del Sudafrica. Commosso ha affermato: <Tutto il mondo gli sarà grato per sempre.>.

<Unitevi! Mobilitatevi! Lottate! Tra l’incudine delle azioni di massa e il martello della lotta armata dobbiamo annientare l’apartheid! >, è questo il testo scritto da Mandela e contenuto all’interno di un manifesto inviato all’African National Congress (ANC) il 15 giugno del 1980, mentre era dietro le sbarre; quelle stesse che l’hanno visto rinchiuso per circa 26-27 anni. “Madiba”, era il nome con cui fu denominato all’interno del clan di appartenenza; “Xhosa” è il nome della sua etnia. È conosciuto in tutto il mondo come Nelson, ma in realtà il suo nome reale era Rolihlahla, ovvero, colui che provoca guai.

Primo capo di Stato di colore, Presidente dell’ANC e Presidente del Sudafrica fino al 1999, ha combattuto contro apartheid e contro l’AIDS. Gli sono stati conferiti i seguenti premi: il Premio Lenin per la pace nel 1962; Premio Sakharov per la libertà di pensiero nel 1988;  il Bharat Ratna, (il più alto riconoscimento civile indiano), nel 1990; il Premio Nobel per la pace nel 1993. Nel 1999 l’Order of St. John dalla Regina Elisabetta II e la Presidential Medal of Freedom da George W. Bush. Nel 2001 la cittadinanza onoraria canadese; nel 2004 l’alta onorificenza della città di Johannesburg, il “Freedom of the City”.

Clint Eastwood nel 2010 ha realizzato il film Invictus, il cui protagonista, Morgan Freeman, interpretava proprio il ruolo di Mandela. Il titolo del prodotto filmico non fu casuale: Invictus è il nome di una poesia di William Ernest Henley,del 1875, che il “Gandhi nero” amò moltissimo e di cui citiamo solo l’ultima strofa:

 “(…)Non importa quanto stretto sia il passaggio,

quanto piena di castighi la vita.

Io sono il padrone del mio destino:

Io sono il capitano della mia anima”

      

                                                                                                                                                                                                    Francesca Saveria Cimmino

Francesca Saveria Cimmino

Vice Direttore at Linkazzato.it
Nata a Napoli, si è laureata nel 2010-2011 in Conservazione dei beni demo-etno-antropologici; tesi di laurea in Antropologia visiva; relatore: Stefano Francia di Celle e correlatrice Helga Sanità. Nel 2012 ha frequentato a Roma, presso la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi, un corso annuale di critica cinematografica, avente tra i docentiMassimo Causo e Simone Emiliani, e un corso trimestrale di sceneggiatura con Franco Ferrini. Ha partecipato anche ai seguenti workshops: produzione con Filmon Aggujaro, sceneggiatura con Demetrio Salvi, Ufficio Stampa con Francesco Carlo, girare un’intervista con Massimo Latini e scrivere per la tv con Massimo Cerofolini e Francesca Primavera e a Napoli un corso di dizione e speaker radiofonico con Jampa Serino, presso la scuola Cinemafiction.Nel 2012-2013 ha frequentato un corso di giornalismo cinematografico presso la Scuola di Cinema di Napoli con Giovanni Chianelli. Specializzanda in Imprenditoria e creatività per cinema, teatro e televisione, ha conseguito uno stage in Ufficio Stampa con Roberto Conte, Capo Ufficio Stampa del Suor Orsola Benincasa. Nel 2013 ha partecipato al seminario “La freccia e il cerchio”, ideato e diretto da Edoardo Sant’Elia e il suo saggio è tra i testi selezionati per la pubblicazione del 2017. Oggi è redattrice presso Linkazzato.it, Campania Su Web e Corriere dello Spettacolo. Collabora inoltre con il sito Cinerunner.it.