lunedì 19 novembre 2018
Ultime notizie

Il Tribunale di Monza risparmia Hashounani dall’ergastolo

Moustafa HashounaniMoustafa Hashounani è stato condannato dal giudice di Monza a diciotto anni di reclusione per l’omicidio di Antonia Stanghellini, 45 anni, sua ex moglie e madre dei suoi due figli. Il marocchino di 46 anni era stato cacciato dalla consorte dall’appartamento di Bernareggio, in provincia di Monza e Brianza, nel 2012, poiché colpevole di soprusi, violenze (mai denunciate) e gelosie. L’uomo, reo confesso, non aveva accettato la fine del loro matrimonio e, dopo aver fatto il possibile per riconquistare la donna, la uccise con svariati fendenti al collo e all’addome, utilizzando un coltello da cucina, il 19 gennaio 2013 nel medesimo appartamento. Dopo pochi minuti fu lo stesso marocchino a chiamare il 112 e a confessare il reato.
Ieri, presso il Tribunale di Monza, si è tenuta l’udienza conclusiva del processo a suo carico per omicidio volontario, secondo rito abbreviato.
lI giudice non ha accolto la richiesta dell’accusa dell’ergastolo, suscitando la delusione tra le amiche della vittima, le quali affermano che “Anche se non ce la ridarà nessuno, siamo delusi, prevale il dolore. La vita di una madre che non vedrà crescere i propri figli, vale così poco?”. Antonia, oltre i due figli avuti dal marito, era anche madre di una ragazza nata da una precedente relazione.
Se vuoi ascoltare l’articolo letto dalle nostre redattrici clicca qui
      18698
 

Charlotte Trombiero

Redattrice at Linkazzato.it
Nata a Varese, nel 1991, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi dell'Insubria nel dicembre 2013 con una tesi storica su Simon Wiesenthal, il cacciatore dei nazisti. Grande passione per il mondo della scrittura in generale ed, in particolare, del giornalismo e per le lingue straniere.