domenica 18 novembre 2018
Ultime notizie

Dramma di Monteforte Irpino: Da Facebook, insulti razzisti contro le vittime

foto articolo razzismo pullman

I funerali delle vittime di Monteforte Irpino. Foto: ogginotizie.it

“Vergogna” un sentimento che numerosi individui dovrebbero provare e che invece ignorano, in preda alla cattiveria ed all’aridità d’animo più assolute. E la vergogna questa volta cade sulle teste dei membri del gruppo Facebook “Italian Average Guy” autori di agghiaccianti frasi razziste nei confronti delle vittime della tragedia di Monteforte Irpino. “Precipita pullman vicino Avellino: 40 morti tra cui nessun italiano”, queste le tremende parole pubblicate sulle pagine del noto social network alludenti, senza dubbio, alle origini meridionali degli scomparsi. L’episodio è stato immediatamente denunciato alla Camera dalla deputata napoletana del Pd Luisa Bossa. Un episodio diverso dagli abituali “Singulti di razzismo, in salsa probabilmente nordista”: questa volta “Lo sfregio è più profondo”- secondo la Bossa -“Perché si colpisce nel momento di un enorme dolore. Mi chiedo quale sia il background culturale di questa gente, mi chiedo a quali esempi attingano”. La deputata oltre ad esprimere l’indignazione ed il disprezzo verso gli artefici dell’insano gesto, ha voluto sollevare una profonda riflessione rivolta a tutti gli Italiani: “Se di fronte a un dolore collettivo, qualcuno non trova di meglio che scrivere cose così, allora lì c’e’ un problema di cultura e sensibilità che non ci può lasciare indifferenti”.
Come è possibile non fermarsi nemmeno davanti ad un lutto così grave? Come è possibile odiare così tanto i propri connazionali? Come è possibile non avere una coscienza? Difficile trovare le risposte giuste ma, come osservato dalla Bossa, una possibile causa probabilmente risiede proprio nella mancanza di cultura. Essere “ignoranti” dunque porta a episodi spregevoli come quello in questione, essere ignoranti sottrae decoro, onestà e moralità. Gli autori delle orrende offese razziste invece, dovrebbero prendere come modello di vita l’enorme dignità con cui gli abitanti di Pozzuoli hanno pianto i propri cari vittime dell’incidente. Uno spessore d’animo da pochi che soltanto gli autentici Italiani possiedono e che sicuramente non è conosciuto dai membri di “Italian Average Guy”. Alla luce dei fatti, dunque, chi sono gli “stranieri”?

 

Bruna Di Matteo