martedì 20 novembre 2018
Ultime notizie

L’Italia affronta la Repubblica Ceca, l’ultimo ostacolo tra gli azzurri e il Brasile

mondiali

Fonte foto: urbanpost.it

Lottava giornata del gruppo B valida per le qualificazioni ai Mondiali del 2014 è quella che potrebbe decidere le sorti degli azzurri, ormai ad un passo dal raggiungere l’accesso alla fase finale della competizione iridata.  Infatti ai quattro volte campioni del mondo potrebbe bastare un pareggio contro la Repubblica Ceca  per ottenere la matematica qualificazione, ma a Torino non sarà facile, poiché i cechi sono storicamente uno degli avversari più ostici per la nostra nazionale e negli ultimi anni anche a livello di club si sono rivelati un osso duro per le compagini nostrane, vedi le eliminazioni del Napoli contro il Viktoria Plzen e dell’ Udinese contro lo Slovan Liberec. 
Tuttavia la Repubblica Ceca non è più lo squadrone che tra la fine degli anni 90 e la metà degli anni 2000 poteva annoverare tra le proprie fila talenti del calibro di Nedved, Poborsky,Smicer e Koller, quindi l’impegno degli azzurri è tutt’altro che impossibile, sebbene giocatori come Rosicky e Cech costituiscano comunque un pericolo da non sottovalutare. Per il match dello Juventus Stadium Prandelli recupera gli squalificati Montolivo, Osvaldo e Balotelli e l’infortunato Barzagli, non ancora al meglio, e pare intenzionato a confermare il 4-3-3 utilizzato contro la Bulgaria ma non gli interpreti. Difatti il tecnico bresciano dovrebbe schierare dal primo minuto i rientranti Montolivo, che dovrebbe completare la mediana azzurra con De Rossi e Pirlo, e Balotelli, al quale potrebbero essere affiancati Candreva e uno tra El Shaaraawy, che però non sta vivendo un buon periodo di forma, e Giaccherini, mentre il reparto difensivo dovrebbe essere composto da Abate e Antonelli  sugli esterni e Bonucci e Chiellini al centro della difesa a protezione di Buffon, tuttavia non è escluso che Barzagli sia della partita e che il suo utilizzo consenta a Prandelli di adottare il 3-5-2 in luogo del 4-3-3.

Per quanto riguarda la formazione dei cechi, il tecnico Bilek dovrebbe utilizzare il 4-3-2-1, con Cech in porta,  il naturalizzato Gebre Selassie e Kadlec ai lati di Sivok e Suchy a comporre il pacchetto difensivo,  Jiracek ,Plasil e Darida  a centrocampo e Rosicky e Kadlec dietro all’unica punta Kozak.

 

Luigi Testa