sabato 17 novembre 2018
Ultime notizie

Francesco Cafiso 5et, protagonista del Napoli Jazz Winter

jazzProsegue, mai come quest’anno fitto di appuntamenti, il Napoli Jazz Winter 2014, rassegna, giunta alla sua ottava edizione, diventata un cult negli eventi invernali napoletani organizzata e diretta dall’associazione Napoli Jazz Club, grazie alla quale negli ultimi anni sono arrivati a Napoli, alcuni dei più importanti nomi del panorama jazz mondiale come Scott Henderson, Jeff Berlin, Dannis Chambers, Javier Girotto, Pippo Matino, Hoarcio el negro Hernande, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Joe Lovano, Dave Douglas, Nino Rota ed altri.  Quest’anno location del festival è l’Auditorium Salvo D’Acquisto, Via Morghen 58, Napoli, ed attende sabato 15 febbraio Francesco Cafiso 5et (€. 23.00 + d.p. –  081.5564726 – 081.5568054). Dopo numerosi appuntamenti di portata internazionale questo sabato la rassegna punta sul talento italiano Francesco Cafiso, giovane sassofonista siciliano uno dei talenti italiani più precoci nella storia del jazz. 
Il Francesco Cafiso Quintet, è il più recente dei suoi progetti  e rappresenta oggi  la grande forza propulsiva ed innovativa in questo genere musicale. Il Quintetto, formato da musicisti eccezionali e raffinati, propone un viaggio musicale  avventuroso e appassionante. Il repertorio è costituito da tutte composizioni originali di Francesco che descrivono i colori, i sapori, i paesaggi, i costumi e le abitudini della sua meravigliosa terra di Sicilia. La musica scaturisce fluidamente dal suo sassofono producendo sonorità magiche sempre sorrette da una stupefacente freschezza di ispirazione. Francesco, perfettamente consapevole dei propri mezzi espressivi, magistralmente supportato dagli altri musicisti, comunica in maniera davvero irresistibile e coinvolgente tutta la gamma di emozioni che la sua musica racchiude. La band è composta da: Francesco Cafiso –  AltoSax; Humberto Amesquita – Trombone; Mauro Schiavone – Piano; Rosario Bonaccorso – bass; Roberto Pistolesi  –  Drums.
Se vuoi ascoltare l’articolo letto dalle nostre redattrici clicca qui
      19340