venerdì 29 Maggio 2020
Ultime notizie

Finalmente ritorna il calcio

Il Borussia travolge lo Schalke con un poker.
L’attaccante norvegese, Erling Haland festeggia da solo

La Bundesliga parte con Borussia Dortmund-Schalke

È la Germania la nazione che per prima riprende le partite. La Bundesliga ha cominciato sabato 16 maggio con il derby della Ruhr. Borussia Dortmund Vs Schalke 04, a porte chiuse in uno scenario inedito e senza pubblico, termina con i gialloneri che passano per 4-0. Molte le cose insolite e soprattutto lo spettacolo ci impone le nuove e curiose modalità di esultanza manifestate in campo dai calciatori. Haland, autore del primo gol, mette in scena un balletto a cui rispondono i compagni e per le successive reti l’entusiasmo viene espresso attraverso tocchi di gomito e battiti di cinque. Certo manca il trasporto, e la passione è privata di quei gesti spontanei per cui si gioisce cercando l’abbraccio del compagno, ringraziandolo così per quel passaggio che ha determinato la rete; tuttavia rimane un forte segnale di ripresa per tutti che fa sperare in una regolarità futura.

E da noi in Italia?

Successivamente al riadattamento del protocollo sanitario presentato dalla Federcalcio, che ha accolto le osservazioni ed i rilievi del Comitato Tecnico Scientifico del Governo, Spadafora ha acconsentito, senza altre difficoltà, alla ripresa dal 18 maggio degli allenamenti collettivi. A questa decisione, da più parti invocata, si è giunti mettendo tutto e tutti in sicurezza e tenendo a bada quella fretta irresponsabile in netto contrasto con la situazione emergenziale vissuta – ha spiegato il ministro dello Sport nell’informativa alla Camera.

Dubbi e perplessità dei club, medici sportivi e sindacato calciatori sul protocollo sanitario

Si registrano però dubbi e perplessità da parte di alcuni club, medici sociali, e sindacato dei calciatori che ritengono il protocollo inapplicabile o poco praticabile, con particolare riferimento alla responsabilità dei medici sportivi ed alla misura della quarantena di gruppo obbligatoria in caso di nuovi contagi. Quest’ultimo punto, comporta il rischio che la ripartenza potrebbe finire per arrestarsi subito.

Le tre parti sperano di convincere il Cts del Governo a rendere il protocollo più conforme alle esigenze specifiche, per un corretto allenamento in totale sicurezza che renda i giocatori pronti a riprendere l’attività.

Riaprire il campionato risponde a ragioni sportive e finanziarie

Questo passo apre al successivo e cioè al dibattito sulla ripresa del campionato. È nota l’importanza sociale del calcio e non è da sottovalutare il suo risvolto economico: la necessità di terminare il torneo risponde a ragioni sportive ma anche finanziarie come i diritti tv. Ma connessa alla ripresa delle partite è l’idea di un ritorno alla normalità o quanto meno l’impressione che il peggio sia passato. Il Governo darà il benestare alla ripresa del campionato solo in conformità ai protocolli medici a tutela dei calciatori e di tutti gli addetti ai lavori. La priorità nazionale, infatti, rimane quella della salute e se sarà riaperto il campionato sarà solo in sicurezza.

La Lega ipotizza una ripresa del campionato dal 13 giugno

La Lega calcio di Serie A ha ipotizzato che si ricomincerà a giocare dal 13 giugno. Per questa data si sono espressi a favore 16 club, mentre i restanti 4 hanno votato l’altra ipotesi del 20 giugno.

Ora il pallino passa al Premier Conte che, stando alle ultime dichiarazioni di Spadafora, dovrebbe pronunciarsi la prossima settimana in base alla curva dei contagi. Successivamente, per il 25 maggio, la Figc dovrà comunicare il nuovo calendario della ripartenza che dovrà terminare entro il 3 agosto per lasciare spazio alla Champions e all’Europa League, nonché alle semifinali di ritorno e alla finale di Coppa Italia.

Un’estate tutta dedicata al pallone

Se la primavera ci ha privato del calcio, l’estate sarà tutta dedicata al pallone. Rimangono da disputare 12 giornate più 4 recuperi. Una porzione consistente! Ed ipotizzando una ripartenza nel week-end 13/14 giugno, si dovrebbe giocare in media per 3 volte a settimana per ultimare il campionato entro la fine di luglio, con le società che beneficerebbero della deroga sui contratti dei calciatori in scadenza a giugno. Poi, ad agosto, spazio alle Coppe, con Champions ed Europa League con finali a Istanbul in Turchia il 29 e a Danzica in Polonia il 27. Un vero tour de force…salvo imprevisti.

Rosa Maria Testa

Appassionata del Napoli e della città. Laureata in Giurisprudenza, lavoro presso l'Università "L. Vanvitelli" ma amo confrontarmi con nuove sfide: se lo pensi, lo puoi fare.

Latest posts by Rosa Maria Testa (see all)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: