martedì 22 Settembre 2020
Ultime notizie

Esplosione a Beirut

Martedì 4 agosto un’esplosione ha devastato il porto di Beirut e le zone limitrofe causando la morte di oltre 150 persone e provocando oltre 5000 feriti.

Per individuare le cause le autorità libanesi hanno istituito immediatamente
una commissione di inchiesta con pieni poteri.

Il Ministro degli esteri libanese Charbel Wehbé, ha dichiarato che molto
probabilmente si è trattato di un incidente causato da una cattiva gestione di
prodotti estremamente esplosivi.

Nel porto di Beirut dal 2013 una nave russa contenente oltre duemila
tonnellate di nitrato di ammonio, materiale altamente infiammabile, era ferma
per controlli delle Autorità Giudiziarie locali.

Varie fonti di informazione hanno ipotizzato ad un complotto per colpire gli Hezbollah. Come ipotesi della tragedia altre fonti di informazione hanno teorizzato interventi sulla nave ferma contenente il carico di nitrato di ammonio, svolgendo manutenzioni, effettuando saldature.

Il principale sostenitore di un attacco terroristico è stato  il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, definendo l’esplosione al porto di Beirut un terribile attacco.

 Il presidente Trump  era 
stato corretto immediatamente  dal
segretario alla Difesa, Mike Esper, che ha riferito che fonti di indagini
libanesi ipotizzano che si sia trattato di un incidente.

Il leader degli Hezbollah libanesi, Hassan Nasrallah, ha smentito  con forza che l’esplosione sia stata causata
dalla deflagrazione di armi depositate dal Partito di Dio nel porto di Beirut.
Sono tutte bugie e menzogne, ha detto Nasrallah riferendosi alle accuse,
rivolte da più parti a Hezbollah, di esser responsabile del disastro che ha
ucciso più di 150 persone.

Il presidente libanese Michel Aoun ha respinto oggi le richieste di
un’inchiesta internazionale avanzate ieri da varie parti, Aoun ha affermato
durante un incontro con un gruppo di giornalisti che le richieste per
un’inchiesta internazionale puntano a distorcere la verità, aggiungendo e
sottolineando che ogni verdetto perde di significato se richiede troppo tempo
per essere emesso.

Lorenzo Masucci

Mi chiamo Lorenzo Masucci, ho 25 anni , sono laureato in Giurisprudenza presso la Federico II .Amo far sentire la mia voce scrivendo, proprio per questo motivo ho deciso di farmi sentire tramite Linkazzato.it, in quanto giornale online molto innovativo che non ha alcuna sudditanza psicologica verso i poteri forti.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: