lunedì 12 novembre 2018
Ultime notizie

De Luca decaduto. No! fa ricorso

de luca1

De Luca fa ricorso. Sospesa la sentenza

De Luca non commenta. Dopo la sentenza che decreta la decadenza per incompatibilità tra l’essere sindaco di Salerno e ricoprire la carica di Viceministro alle Infrastrutture, Vincenzo De Luca fa subito ricorso, congelando di fatto la sentenza e ripristinando la doppia carica.
I fatti: pochi giorni fa a seguito dell’esposto dei tre parlamentari del Movimento 5 stelle Silvia Giordano, Girolamo Pisano e Andrea Cioffi, il tribunale di Salerno ha definito incompatibile la carica di primo cittadino di Salerno e la carica istituzionale a Roma e “conseguentemente – recita la sentenza – dichiara la decadenza dello stesso ” (da sindaco ndr).
Immediata la risposta formale di De Luca: “si comunica che l’appello proposto dal sindaco di Salerno Vincenzo De Luca avverso l’ordinanza di decadenza, emessa ieri dal Tribunale Civile di Salerno, è stato già notificato dalle parti in causa” è quanto comunica l’ufficio stampa del sindaco. Ciò rende sospesa la decadenza. De Luca è ancora sindaco e sopratutto è ancora viceministro alle Infrastrutture.
Immediate e pungenti le reazioni degli storici avversari di De Luca – che stando agli ultimi sondaggi è uno dei sindaci più amati d’Italia. Tra i primi a polemizzare con De Luca per non aver scelto da subito e autonomamente di lasciare la carica a primo cittadino sono stati Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, e Mara Carfagna, portavoce di Forza Italia.
Il primo sottolinea quanto fosse più opportuno, vista la carica istituzionale ricoperta da De Luca anticipare i tempi e non “far arrivare lo scontro in aula di tribunale (…). Consiglierei sempre – continua Caldoro – di fronte a questi casi che la politica venga prima dei contenzioni istituzionali e delle aule dei tribunali”. L’onorevole Carfagna, invece, tuona contro “l’arroganza del potere per il potere. Il sindaco De Luca – dice la parlamentare napoletana – doveva solamente rispettare una chiara ed incontrovertibile norma di legge”.
Di fatto De Luca, proprio per la legge, prescindendo dalla sentenza, è incompatibile dalla doppia carica istituzionale dal momento in cui ha giurato come viceministro della Repubblica italiana ma è evidente che fatta la legge…chi la rispetta?