domenica 20 Giugno 2021
Ultime notizie

Più che di “svuota carceri” si dovrebbe parlare di “sposta carceri”

poggiorealeChe il carcere di Poggioreale (NA) non fosse il modello da seguire era noto a tutti; si pensi che il numero di internati aveva raggiunto le 3.000 unità, mentre la capienza massima sembrerebbe essere di circa 1300 persone. La struttura, infatti, con 13 padiglioni e circa 560 celle, ognuna di 12.63 mq, negli anni ha visto una crescita esponenziale del numero dei detenuti: nel 2003 erano già più di 2500.
A seguito della sentenza Torreggiani, (sentenza pilota contro il sovraffollamento delle carceri italiane, adottata l’8 gennaio 2013), dunque a tutela dell’art. 3 della Convenzione europea diritti umani (CEDU), il decreto “svuotacarceri” è stato convertito in legge lo scorso 22 febbraio con 147 sì e 95 no; ragion per cui, il numero è dovuto necessariamente diminuire. carcere21Quindi, da 3000, i detenuti presenti attualmente nella Casa Circondariale sono 2.400. e non è un caso: oggi, venerdì 28 marzo, è prevista la visita di una delegazione del Parlamento europeo per esaminare lo status dell’Istituto.
La domanda sorge spontanea: che fine hanno fatto i circa 500 detenuti che sono stati fatti uscire dal carcere? Tutti liberi? No. «Cento sono usciti dal carcere per sconto di pena – spiega il cappellano Don Franco Esposito a Il Mattino – quattrocento invece sono stati trasferiti in altri penitenziari, anche in Sicilia e Sardegna, soprattutto nelle ultime settimane.
È così che si affronta l’emergenza sovraffollamento di Poggioreale?»
Se vuoi ascoltare l’articolo letto dalle nostre redattrici clicca qui
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: