lunedì 17 dicembre 2018
Ultime notizie

“Andy Warhol. Vetrine”: da aprile al PAN

warholDal 18 aprile al 20 luglio 2014, presso il Palazzo delle Arti di Napoli, torna il padre della Pop Art, l’americano Andy Warhol con “Andy Warhol.Vetrine”. La mostra, curata da Achille Bonito Oliva, organizzata da “Spirale di idee” in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Napoli,  prevede 180 opere dell’artista di Pittsburgh: dai divi dello spettacolo, come  Marilyn Monroe, o persone dalla forte influenza socio-politica (Mao Tse-Tung, Che Guevara), ai barattoli di latta, al coloratissimo Vesuvio e i lavori su carta, realizzati nella fase primordiale della sua carriera. Il titolo “Vetrine” nasce dall’esposizione al pianterreno di Palazzo Roccella di lavori tratti dalla serie “Golden Shoes”.
Warhol, infatti, negli anni ’50, nella Grande Mela, iniziò come grafico pubblicitario e vetrinista per i negozi della Madison Avenue. Negli anni ’70 nasce l’amicizia con il gallerista Lucio Amelio che dunque fu il perno del suo legame con al città partenopea. Proprio per il rapporto tra l’artista e Napoli e per i ritratti delle persone ivi incontrate, tra cui Ernesto Esposito, Peppino di Bernardo, Graziella Lonardi Bontempo e Joseph Beuys, vi sarà una sezione speciale. Vi saranno anche serigrafie delle Campbell’s soup e dei Camoufflage.  Vi sarà la serie “Marilyn” del 1967, la serie del 1975 di “Ladies and Gentlmen”, che accoglie ritratti di travestiti nella città di New York e la “Marilyn” del 1985, su cui vi è scritto “Questa non è mia”.
Il prezzo del biglietto intero è di 8 euro, per i bambini di 4 euro e per gli studenti di 5 euro. Sono, inoltre, previsti “pacchetti famiglia”: per quattro persone 17 euro.
Se vuoi ascoltare l’articolo letto dalle nostre redattrici clicca qui
      20917

Francesca Saveria Cimmino

Vice Direttore at Linkazzato.it
Nata a Napoli, si è laureata nel 2010-2011 in Conservazione dei beni demo-etno-antropologici; tesi di laurea in Antropologia visiva; relatore: Stefano Francia di Celle e correlatrice Helga Sanità. Nel 2012 ha frequentato a Roma, presso la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi, un corso annuale di critica cinematografica, avente tra i docentiMassimo Causo e Simone Emiliani, e un corso trimestrale di sceneggiatura con Franco Ferrini. Ha partecipato anche ai seguenti workshops: produzione con Filmon Aggujaro, sceneggiatura con Demetrio Salvi, Ufficio Stampa con Francesco Carlo, girare un’intervista con Massimo Latini e scrivere per la tv con Massimo Cerofolini e Francesca Primavera e a Napoli un corso di dizione e speaker radiofonico con Jampa Serino, presso la scuola Cinemafiction.Nel 2012-2013 ha frequentato un corso di giornalismo cinematografico presso la Scuola di Cinema di Napoli con Giovanni Chianelli. Specializzanda in Imprenditoria e creatività per cinema, teatro e televisione, ha conseguito uno stage in Ufficio Stampa con Roberto Conte, Capo Ufficio Stampa del Suor Orsola Benincasa. Nel 2013 ha partecipato al seminario “La freccia e il cerchio”, ideato e diretto da Edoardo Sant’Elia e il suo saggio è tra i testi selezionati per la pubblicazione del 2017. Oggi è redattrice presso Linkazzato.it, Campania Su Web e Corriere dello Spettacolo. Collabora inoltre con il sito Cinerunner.it.