martedì 11 dicembre 2018
Ultime notizie

“Allacciate le cinture”: da oggi al cinema

ciak-allacciate-le-cinture-kasia-smutniak-54545Da oggi, giovedì 6 gennaio, esce in circa 350 sale italiane “Allacciate le cinture”, il nuovo film di Ferzan Ozpetek, due anni dopo Magnifica Presenza, distribuito da 01 distribution, in stretta collaborazione con la R&C produzioni e della durata di 110 minuti. Interpretata da un ampio cast, quale Kasia Smutniak, Francesco Arca, Filippo Scicchitano , Elena Sofia Ricci, Carla Signoris, Carolina Crescentini, Paola Minaccioni, Luisa Ranieri e Francesco Scianna, scritta in collaborazione con Gianni Romoli, la commedia narra la storia ramificata in due periodi diversi: gli anni 2000 e i giorni d’oggi.
Elena e Antonio, appartenenti a due classi sociali diverse, lei piccola borghese e lui un modesto meccanico, innamorati al punto da voler vincere le barriere psico-socio-culturali. Il grande amico di lei, ad esempio, è un omosessuale e Antonio è omofobo: basterebbe questo a creare una forte incompatibilità, in realtà, ma l’amore riesce a trionfare. Come se non bastasse dopo 13 anni Elena si ammala di tumore. La malattia le cambia il volto, le toglie il sorriso, la svilisce; eppure, Antonio non le lascia quella mano durante quei duri giorni tra gli ospedali e le chemio. Forse questo è realmente amore.
Dunque un film incentrato sui valori, sui sentimenti, sulla malattia, ma anche sul tempo: sull’imprevedibilità degli avvenimenti e sui cambiamenti, ineluttabili, a cui un essere umano deve sapersi sottoporre. Il cast, per render meglio il concetto dello scorrimento del tempo e per mostrare i segni di una malattia che inevitabilmente modifica i corpi, ha sospeso le riprese per circa un mese. La fase di scrittura, e dunque di pre-produzione, è durata circa sei mesi.
Se vuoi ascoltare l’articolo letto dalle nostre redattrici clicca qui
      20255

Francesca Saveria Cimmino

Vice Direttore at Linkazzato.it
Nata a Napoli, si è laureata nel 2010-2011 in Conservazione dei beni demo-etno-antropologici; tesi di laurea in Antropologia visiva; relatore: Stefano Francia di Celle e correlatrice Helga Sanità. Nel 2012 ha frequentato a Roma, presso la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi, un corso annuale di critica cinematografica, avente tra i docentiMassimo Causo e Simone Emiliani, e un corso trimestrale di sceneggiatura con Franco Ferrini. Ha partecipato anche ai seguenti workshops: produzione con Filmon Aggujaro, sceneggiatura con Demetrio Salvi, Ufficio Stampa con Francesco Carlo, girare un’intervista con Massimo Latini e scrivere per la tv con Massimo Cerofolini e Francesca Primavera e a Napoli un corso di dizione e speaker radiofonico con Jampa Serino, presso la scuola Cinemafiction.Nel 2012-2013 ha frequentato un corso di giornalismo cinematografico presso la Scuola di Cinema di Napoli con Giovanni Chianelli. Specializzanda in Imprenditoria e creatività per cinema, teatro e televisione, ha conseguito uno stage in Ufficio Stampa con Roberto Conte, Capo Ufficio Stampa del Suor Orsola Benincasa. Nel 2013 ha partecipato al seminario “La freccia e il cerchio”, ideato e diretto da Edoardo Sant’Elia e il suo saggio è tra i testi selezionati per la pubblicazione del 2017. Oggi è redattrice presso Linkazzato.it, Campania Su Web e Corriere dello Spettacolo. Collabora inoltre con il sito Cinerunner.it.