giovedì 13 dicembre 2018
Ultime notizie

La Mostra D’Oltremare di Napoli ospiterà la fiera del libro a marzo

Torna a Napoli la fiera del libro alla Mostra d’Oltremare a Marzo 2017. Una finestra di opportunità per i nuovi editori che dovranno essere un minimo di ottanta, come spiega la presidente dell’ente Mostra, Donatella Chiodo.

mare-libri-982x540

È dal 2009 che un tale evento manca all’appello nelle proposte fieristiche dall’ultima di Galassia Gutenberg e la successiva nel 2010, il Salone Mediterraneo del libro, che non hai mai visto la luce.

Il primo incontro tenutosi alla Fiera D’oltremare in questo mese, ha fissato gli obiettivi salienti del evento che sarà quella di creare una Rassegna del libro meridionale per gli editori emergenti nel territorio e la data di apertura al pubblico che è programmato per  i giorni dal 9 al 13 Marzo.

diego-guida-460x261

“Abbiamo pensato al mese di marzo”, afferma l’editore Diego Guida, “per questa rassegna che ha l’obiettivo di valorizzare la cultura nostrana”. “È un primo passo molto importante”, conclude, “adesso tocca a noi chiedere alla Regione che dalle chiacchiere si passi ai fatti”.

Giovedì prossimo si terrà un secondo incontro tra gli editori per definire le linee essenziali del format e già si pensa ad agevolazioni per favorire la partecipazione degli editori, come l’esenzione del biglietto d’ingresso, dichiarazione della stessa Presidente dell’ente Mostra d’Oltremare, Donatella Chiodo, la quale sottolinea che l’evento ha già raggiunto l’interesse di  molti assessori alla cultura di Comuni della Regione.

centrohome

Infine gli editori potranno accedere ai finanziamenti e i supporti economici solo in seguito alla formalizzazione della loro richiesta e se si raggiungerà l’adesione minima, sia alla Regione sia alla camera di commercio.

Paola Esposito

Paola Esposito, laureanda in giurisprudenza, una grande passione per il cinema che coltiva fin da quando è adolescente, perchè al cinema la vita scorre come rappresentazione dei vizi e delle virtù degli individui, attraverso cui questi ultimi possono emozionarsi, capire, rivedersi nelle situazioni comuni e meno comuni.