lunedì 3 Agosto 2020
Ultime notizie

Nei giardini che nessuno sa…

Ancora non si è capito che soltanto nel divertimento, nella passione e nel ridere si ottiene una vera crescita culturale“. Con questo celebre aforisma Dario Fo, drammaturgo ed intellettuale di spicco del panorama italiano del Novecento, sanciva l’importanza del connubio tra l‘erudizione ed il diletto, la musica ed il sollazzo; le occasioni d’incontro per lasciarsi cullare dalla melodia del piacere un tempo erano tante, come oggi innumerevoli sono gli appuntamenti fra concerti, teatro e buon cibo per trascorrere al fresco le sere d’estate immersi nel verde di spazi rigeneranti. Dal martedì alla domenica, a partire dalle 19 e fino alle 24, Palazzo Buonamici a Prato organizza eventi folkloristici con cibo tipico della tradizione locale da degustare ai tavoli, fra le piante. C’è poi “In Sant’Orsola light edition“, una rassegna che si articola in due parti: il giardino fra le mura del centro storico ed il chiostro di San Domenico. Ogni mercoledì, inclusa questa sera alle 20.30 e alle 21.30, si sale sul campanile di San Domenico per godere di una vista suggestiva della città, oltre ad approfondirne la storia ed accrescere le proprie conoscenze. Nel giardino di Sant’Orsola, in cui iniziative diverse si intrecciano ogni giovedì, domani alle 20.45 è in programma l’incontro intervista con Ilaria Santi, assessore alla pubblica istruzione, e alle 22 lo spettacolo teatrale “Mistero buffo” dell’immortale premio Nobel Dario Fo, a cura di e con Elisa Pistis. Una rielaborazione dell’opera in chiave di lettura delicata e tutta al femminile. Il giardino urbano di via Targetti presenta una rassegna di spettacoli teatrali, bar, spazio ragazzi, con rapide esibizioni (alle 22) e giardino sonoro animato da una selezione musicale di MillesseiDischi & Friends, in un ambiente circondato dal verde di fabbriche e teatri. E’ inoltre attivo l’angolojungle’ in piazza Macelli, un luogo che coniuga spettacolo, divertimento e socializzazione con la rassegna estiva promossa dall’ufficio cultura del Comune. L’angolo ristoro apre alle 18, appuntamenti a partire dalle 21 ad ingresso gratuito ma con prenotazione obbligatoria. Infine, apertura serale anche per La Passerella, spazio bar dal lunedì al sabato dalle 22, nei pomeriggi tante attività per grandi e piccoli promosse da svariate realtà territoriali.

Un vero “chef d’oeuvre” per gli amanti e gli intenditori di mondi sopraffini.

Francesca De Grazia

Una "buona" coscienza vale più di un chierichetto o di cento beghine.
Bisogna saper smascherare i falsi profeti e respingere le loro parole vuote e lontane: credere in se stessi e alla propria storia, evitare i segnali e le indicazioni, prendersi il gusto di fare l'amore quando si ha voglia, senza temere un inferno sotto il letto, e di avere paura quando si sente senza vergognarsi di essere "santi" o eroi.
E' quello che gli ipocriti chiamano mediocrità la vera grandezza.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: