giovedì 20 settembre 2018
Ultime notizie

Morosi bolletta Elettrica? … pago tutto io!

Quella che sembrava (e si sperava) essere una fake news si è invece dimostrata una triste verità e la tempistica è degna delle migliori parodie dei film horror, perché la notizia si è diffusa proprio nel giorno di San Valentino, quando per celebrare i “morosi”, hanno invece fatto il regalo  ad un altro tipo di  morosi, ma la vera “festa” l’hanno fatta ai consumatori onesti.

In pratica un delibera di ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, conformandosi ad una sentenza del  Consiglio di Stato (2182/2016), impone che una parte degli oneri generali di sistema delle bollette dell’energia elettrica non pagate, siano a carico dei clienti finali, cioè del consumatore e non dalle Società di vendita, come era previsto fino ad oggi.

Cosa sono gli oneri di sistema? Sono dei costi introdotti dai diversi decreti ministeriali  e fra tutti quello che incide di più è la componente A3, cioè gli incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate, per una quota pari al 90.61% degli oneri di sistema

Il sistema funziona come una partita di giro, un po’ come l’IVA: il cliente paga la quota degli oneri di sistema alle Società di vendita, che, è tenuto a versarli alle imprese di distribuzione, che a loro volta li gireranno a CSEA (Cassa per i servizi energetici e ambientali) e GSE (Gestore dei servizi energetici). Tutto questo quando le cose funzionano, ma quando il cliente finale non paga la sua bolletta, non paga neanche gli oneri di sistema e quindi le società di distribuzione non riescono più a ottenere questi soldi – che nel frattempo hanno anticipato – dalle società di vendita e quindi gli chiudono il rubinetto (anzi nel caso di specie il contatore) costringendoli, in alcuni casi  al fallimento.

E allora quale è stata la pensata geniale? Ci pensa il consumatore a pagare anche per chi non paga, anzi, rispolverando una vecchia battuta di un film di Verdone: “Non è successo niente… non è successo niente.. perché tanto poi pago tutto io!

 E quindi d’ora in poi la  quota di sistema (una parte per il momento, ma si sa che al peggio non c’è mai fine) non versata dai clienti morosi sarà pagati dai clienti virtuosi e – vi invito a leggere una normale bolletta di un qualsiasi Gestore –  gli oneri di sistema spesso sono la voce più alta, ancora di più del reale consumo di energia.

E come la migliore tradizione dei film horror Vi anticipo anche il sequel: dal 2018 l’ ARERA è competente anche per i rifiuti.

Paura eh…

francesco carbone

Avvocato civilista, titolare dell’omonimo Studio Legale, docente di materie giuridiche ed economiche. Maestro diplomato al Conservatorio di Musica di Napoli in Pianoforte e Composizione