domenica 18 novembre 2018
Ultime notizie

Milano: incidente in scooter, muore un giovane campano

La Lombardia e la Campania sono due regioni lontane geograficamente, ma che si ritrovano unite nel dolore. La città di Milano, infatti, è stata lo scenario di un tragico incidente costato la vita a un giovane campano: l’avvocato Giuseppe Petti di 32 anni che si era trasferito per lavoro nel capoluogo lombardo dopo aver conseguito la laurea a Roma. Ma cosa è successo di preciso? Il giovane uomo si trovava in compagnia dell’amica Laura, di 35 anni, che l’aveva raggiunto per una breve vacanza a Milano. I due rientravano da una serata mondana con altri amici campani, una serata a cui Giuseppe era solito partecipare per passare qualche ora in compagnia. Verso le 3 di notte, stavano tornando a casa in scooter, un Piaggio Beverly, quando in Piazza XXV Aprile, Giuseppe Petti ha iniziato a perdere il controllo del mezzo di trasporto fino a scontrarsi contro uno spartitraffico. I due giovani sono stati catapultati sull’asfalto e, nonostante indossassero regolarmente il casco, per Giuseppe Petti non c’è stato nulla da fare, è deceduto sul colpo, inutili i tentativi di rianimarlo. L’amica Laura è stata subito soccorsa dall’ambulanza che l’ha portata all’Ospedale Niguarda. Non è in pericolo di vita, ma ha riportato diverse fratture al braccio e ferite al naso e alla bocca. La polizia locale, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, sta cercando i motivi che hanno causato la perdita del controllo dello scooter. Per questo motivo verrà effettuata l’autopsia sul cadavere di Giuseppe. Molto il dolore degli amici e della famiglia che è subito partita per Milano. La città di Nocera è in lutto, Giuseppe Petti, infatti, era un volto molto noto in Campania sia per la sua famiglia d’origine, ma anche per la simpatia e la disponibilità che l’avevano, da sempre, contraddistinto.

Charlotte Trombiero

Redattrice at Linkazzato.it
Nata a Varese, nel 1991, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi dell'Insubria nel dicembre 2013 con una tesi storica su Simon Wiesenthal, il cacciatore dei nazisti. Grande passione per il mondo della scrittura in generale ed, in particolare, del giornalismo e per le lingue straniere.