venerdì 16 novembre 2018
Ultime notizie

Milano: al Mc Donald’s in pigiama per la colazione gratis

Tra pochi giorni partirà un’iniziativa che coinvolge tutta l’Italia e che vede come protagonista Mc Donald’s. Si sa che l’originalità è, da sempre, il loro marchio distintivo e che è in grado di attirare l’attenzione e l’interesse della gente. La catena di ristoranti fast food, questa volta, mette in palio la colazione gratis per 24 giorni. Cosa bisogna fare per aggiudicarsela? È necessario presentarsi martedì 24 marzo, dalle ore 7.30 alle 10.00, in uno dei vari Mc Donald’s sparsi per il nostro paese. Fin qui nulla di strano, ma il fatto curioso è che dovete presentarvi al fast food in pigiama. In questo modo, otterrete subito la vostra colazione gratis che consiste in una bibita calda e in una brioche, più una card valida per 24 giorni. Ovviamente, anche in questa iniziativa vi sono delle regole che Mc Donald’s mette in chiaro in modo ironico: “Tutto, o quasi, è consentito: pigiama, camicia da notte, tutone integrale. Ma se dormi in calzoncini e maglietta, in mutande o con solo due gocce di Chanel, almeno per quel giorno fatti prestare un pigiama”. L’uso delle scarpe è, naturalmente, consentito. Se avete freddo, inoltre, potrete indossare un giubbotto o una vestaglia, l’importante è che, quando fate il vostro ingresso nel locale, siate in pigiama. Dopo la colazione, ciascun partecipante avrà la possibilità di cambiarsi e tornare alla propria routine quotidiana. Ma le novità non finiscono qui, almeno per quanto riguarda la città di Milano. Nel Mc Donald’s di Piazza Duomo, infatti, verrà allestito un set fotografico: al centro del fast food troverete un grande letto matrimoniale dove potrete essere fotografati o scattarvi un selfie per immortalare questo momento. L’unica cosa richiesta è far sembrare lo scatto reale e rappresentare, quindi, la gioia della colazione da soli o con amici e parenti. Ancora una volta, Mc Donald’s non finisce di stupire.

Charlotte Trombiero

Redattrice at Linkazzato.it
Nata a Varese, nel 1991, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi dell'Insubria nel dicembre 2013 con una tesi storica su Simon Wiesenthal, il cacciatore dei nazisti. Grande passione per il mondo della scrittura in generale ed, in particolare, del giornalismo e per le lingue straniere.