lunedì 19 novembre 2018
Ultime notizie

L’inappropriato uso dei “Google Glass”: progresso pericoloso

gg3Google Glass“: una sorta di occhialino dotato di micro proiettore con tecnologia Augmented Reality che, attraverso un prisma di vetro posto ad un solo occhio dell’utente, visualizza uno schermo da 25 pollici a due metri di distanza. E’ inoltre affiancato da una fotocamera da 5 Mp, con registrazione video a 720p, completa di audio a conduzione ossea, 12 Gb di memoria, connessione wi-fi e Bluetooth che permette di connettere qualsiasi cellulare ai Glass.
Disponibili dall’inizio del 2013 per gli sviluppatori e i beta-tester del progetto Google I/O, saranno a disposizione dei consumatori da aprile 2014.
Chiunque provi a riflettere sull’uso dei Google Glass, si pone il problema dell’eventuale violazione della privacy, soprattutto nei casi in cui questi ultimi vengano utilizzati in luoghi pubblici o privati. Ebbene, è accaduto proprio alcuni giorni fa, che in un locale chiamato “Lost Lake Cafe & Lounge” di Seattle, l’ ingegnere informatico Nick Starr è stato messo alla porta, dopo essersi rifiutato di togliere all’interno del locale gli occhialini del colosso Big G che indossava.

Sul problema privacy e questioni legislative, c’è ancora molto da fare, visto che uno dei problemi principali è che non esiste un limite di utilizzo dei Glass. Sarebbe, infatti, assurdo pensare di essere riconosciuti attraverso l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale, standosene comodamente seduti al tavolino di un bar, abbattendo così quel velo di anonimato che ci protegge quando siamo in pubblico.

Per tutti noi, quello che sembrava il grande problema della privacy dei comuni social network, è, e sarà solo una minima parte dei futuri problemi, causati dalla sempre maggiore diffusione di camere e microcamere.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Dino Picascia