giovedì 15 novembre 2018
Ultime notizie

L’autostrada per l’inferno è appena iniziata per Malcolm Young

Ci lascia un’altra legenda del rock, Malcolm Young. Il chitarrista e co-fondatore della famosa band AC/DC è morto lo scorso 18 novembre all’età di 64 anni. Per anni la star ha lottato contro varie malattie tra cui un cancro ai polmoni, asportato con successo, e problemi cardiaci che lo hanno costretto a portare un peacemaker. Ma ciò che l’ha ucciso è stata la demenza. Nonostante si fosse ritirato nell’aprile del 2014 per sottoporsi a varie cure, le sue condizioni sono peggiorate. “ Sono sempre stato consapevole che era un genio con la chitarra, i suoi riff sono diventati leggenda, così come lui “, scrive l’ex cantante della band Brian Johnson, ritiratosi nel 2016 per problemi all’udito, sul suo sito web ufficiale.

Malcolm Young

Johnson non è l’unico a ricordare l’amico, infatti Angus Young, dedica un commovente post su Facebook al fratello definendo il loro rapporto come qualcosa di unico e speciale. Altri gruppi come i Foo Fighters e i Guns N’ Roses omaggiano lo spumeggiante chitarrista durante i loro concerti facendo delle cover di Whole lotta Rosie e Let there be rock, due grandissimi riff scritti da Malcolm che hanno fatto la storia del gruppo. A prendere il suo posto sarà Stevie Young, il nipote, ma di certo nulla sarà come prima. L’eredità lasciata dallo zio è qualcosa che sopravvivrà per sempre e difficilmente potrà essere superata.