venerdì 26 Aprile 2019
Ultime notizie

I risotti dedicati ai Borboni: l’intervista allo chef dell’Osteria Atri

Gusto, Innovazione, Tradizione

Nel decumano maggiore, a pochi passi da Via dei Tribunali,  si trova l’Osteria Atri un ristorante in cui gusto, tradizione e innovazione si sposano completamente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Protagonista del ristorante è il riso, cereale ricco di sostanze nutrienti, è parte integrante della nostra dieta mediterranea. I chicchi di riso, estratti dalla pianta erbacea Oryza Sativa, sono fonte di proteine, vitamine, fosforo e potassio. A basso contenuto calorico e privo di glutine, il riso si consolida come un piatto alla portata di tutti.

Coltivato nel VI secolo A.C nelle piantagioni cinesi, a Napoli è stato esportato XVI Secolo dalle navi spagnole. Tra i napoletani il riso non riscosse un gran successo tanto da essere totalmente assente dai piatti tradizionali. Ma fu nel ‘700 con la dominazione borbonica, che i cuochi francesi idearono il sartù.

Sulla scia dei Borboni e del Regno delle Due Sicilie l’Osteria Atri, capitanata dallo Chef Andrea Barbaro, ha creato 3 risotti dedicati ai 3 re Borbonici: Carlo III, Ferdinando I e Francesco II.
L’Osteria Atri, nel rispetto della stagionalità, offre ai suoi clienti piatti tipici della tradizione napoletana: carni di prima scelta, pesce fresco tutti i giorni e dolci tradizionali.
Ma quali sono i piatti più amanti dai turisti? Lo scopriremo insieme nella nostra intervista con lo Chef Andrea Barbaro.

Info utili:

 

                               Chi: Osteria Atri

                              Dove: Via Atri, 22- Napoli (Centro Storico)

                              Quando: Dal Lunedì alla Domenica ( Martedì chiuso)

                                                dalle 12.00 alle 15.30

                                                 dalle 19.00 alle 23.00

                               Contatti: 081.18912380

                                                                                                                                       

Giusy Piccirillo

Collaboratrice at Linkazzato.it e "Roma" quotidiano d'informazione
"Poche le sue armi: tanta curiosità, un taccuino, una penna. Uno l'obiettivo: scrivere per chi non c'era, perché conosca. Scrivere per chi c'era, perché ricordi"
In ogni pezzo c'è sempre un po' di me, delle mie esperienze, del mio sguardo sul mondo.
Le mie passioni?
La bellezza in ogni sua forma <3
Giusy Piccirillo