venerdì 16 novembre 2018
Ultime notizie

Expo 2015: le critiche di Vittorio Sgarbi

Ormai ci siamo, manca meno di un mese all’inizio di Expo 2015. Un evento atteso da anni e che metterà la città di Milano sotto i riflettori dell’attenzione mondiale. I progetti per l’Esposizione Universale stanno subendo grossi ritardi, si sta cercando di fare una corsa contro il tempo per non farsi trovare impreparati per questa occasione, ma è molto difficile soprattutto perché i giorni passano molto velocemente senza che si riesca a concludere qualcosa. Nel frattempo, arrivano le prime critiche. A farle è un personaggio di spicco, del mondo dello spettacolo. Si tratta di Vittorio Sgarbi che ha speso alcune parole sul Padiglione Italia. Parole non positive, al contrario molto dure: “Quelli che hanno fatto il Padiglione Italia hanno fatto un’opera che, finita o non finita, sarebbe meglio bombardare subito”. Parole che hanno attirato l’attenzione e che hanno fatto discutere. Un opinione totalmente diversa è quella di Oscar Farinetti, patron di Eataly che afferma: “Mi dissocio totalmente da quello che ha detto Sgarbi, io il Palazzo Italia l’ho visto e mi è piaciuto da matti”. Nonostante le parole usate da Vittorio Sgarbi, non vi è nessun problema per Giuseppe Sala, il Commissario Unico, che non si è fatto influenzare da questo giudizio negativo. A suo parere, infatti, il giudizio finale spetterà ai visitatori e, nonostante tutto, loro sono ottimisti. Alla fine, il fattore estetico non sarà quello principale. Bisognerà puntare maggiormente sulla puntualità e sulla funzionalità. Anche Vicente Loscertales, segretario del Bureau International des Expositions, non pare essere ottimista: “L’Italia non può permettersi di fallire col proprio padiglione. Il padiglione del Paese ospitante è quello che segna il successo di ogni esposizione. Anche perché i visitatori andranno tutti lì”. Riusciranno in questa impresa? A meno di un mese dal 1 maggio, sembra davvero un’utopia che Expo 2015 riuscirà ad essere pronto in tempo.

Charlotte Trombiero

Redattrice at Linkazzato.it
Nata a Varese, nel 1991, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi dell'Insubria nel dicembre 2013 con una tesi storica su Simon Wiesenthal, il cacciatore dei nazisti. Grande passione per il mondo della scrittura in generale ed, in particolare, del giornalismo e per le lingue straniere.