lunedì 12 novembre 2018
Ultime notizie

Bimbo di 10 anni fa arrestare il padre che picchia la madre

basta violenza sulle donneIl suo papà, per l’ennesima volta, stava picchiando la mamma. A soli 10 anni ha trovato il coraggio di fuggire di casa e chiedere aiuto. E’ successo a Castelfiorentino, in provincia di Firenze.

Era passata da poco la mezzanotte quando il piccolo, di origini albanesi, ha trovato la forza di uscire dall’abitazione, da solo, per denunciare le violenze del padre e farlo arrestare. In preda al panico si è recato nella sede della protezione civile locale e ha raccontato agli operatori cosa stava accadendo a casa sua in quei minuti terribili. Il piccolo ha spiegato che  l’uomo, un 45enne proveniente dall’Albania, era tornato a casa ubriaco e, come ormai accadeva di consueto, aveva iniziato ad insultare, minacciare e picchiare sua madre.

Le violenze, secondo le forze dell’ordine, avvenivano alla presenza dei figli minorenni. Di fronte al racconto del bambino, gli operatori hanno immediatamente allertato i Carabinieri. Gli agenti si sono recati nell’abitazione, dove hanno costatato cosa stava accadendo. L’uomo è stato arrestato e ha trascorso la notte nella camera di sicurezza della compagnia di Empoli (Firenze), prima del processo per direttissima. Dalle indagini  compiute dai Carabinieri è emerso, a conferma di quanto sostenuto dal piccolo, che quella non era affatto la prima volta che il 45enne malmenava la moglie. I maltrattamenti fra le mura di casa erano quotidiani e avvenivano quasi sempre davanti ai figli piccoli, che potevano solo assistere inermi alle violenze. E’ stata infatti proprio la reiterazione di quegli atti e la consapevolezza che nulla avrebbe più fermato quei soprusi a spingere il bambino a denunciare, nella speranza di salvare la sua mamma e i fratelli.

Non è la prima volta che un bambino, davanti alla violenza del padre, si ribella salvando la proprio madre. Qualche tempo fa, sempre in Toscana, una bimba di 10 anni, a Siena, aveva chiamato i Carabinieri dopo che il suo papà aveva ferito la mamma alla gola con un coltello in seguito ad una lite.

Antonietta Mente

Lucana di nascita, romana d'adozione. Una laurea in Giornalismo e una profonda passione per la scrittura, la lettura, la fotografia e la grafica editoriale. Feticista della parola, insaziabile curiosa, ostinatamente ed inguaribilmente alla ricerca di qualcosa. Di cosa, lo scoprirà. Nel frattempo, però, continua a cercare e si gode il viaggio.