venerdì 21 settembre 2018
Ultime notizie

Atto di Fede al Nuovo Teatro Sanità

Dopo il debutto al Napoli Teatro Festival Italia 2017, sabato 12 maggio, alle ore 21.00, torna sul palco del Nuovo Teatro Sanità Atto di fede, spettacolo di e con Paolo Cresta, tratto dal romanzo Il resto della settimana di Maurizio De Giovanni. Lo spettacolo replica domenica 13 maggio alle ore 18.00. Info e prenotazioni al 3396666426 oppure all’indirizzo e-mail info@nuovoteatrosanita.it. Il costo del biglietto è di 12,00 euro.

Atto di fede ripropone in forma teatrale un romanzo ambientato nella Napoli ammalata di tifo calcistico. La narrazione, dedicata dallo scrittore allo sport più seguito e amato di tutti, vede protagonista una guida turistica molto speciale, che condurrà i visitatori della città di Napoli nelle viscere della stessa, a conoscere reliquie che non è possibile vedere in nessun altro posto del mondo. «Basta un capello… ormai solo vagamente riccio, magari chiuso in una teca, perché una scrupolosa guida turistica si trasformi in un oratore ispirato che racconta di Grazie ricevute, di Fede profonda, di inestinguibile Amore. Miracoli, Gioia perfetta, il Sud America, Napoli e il Napoli diventano così stazioni di un surreale itinerario della passione. La passione per il calcio. La passione per Napoli. La passione per un mito del calcio e di Napoli. La passione. Vera Fede!».

Dallo spettacolo emerge l’immagine di una città e di un’ umanità devota a santi laici e a miti che ne hanno fatto la storia calcistica. I turisti/spettatori si troveranno immersi in un immaginario collettivo esclusivamente partenopeo, che rende loro partecipi dello spirito più profondo che attraversa le strade di una città carica di storia e di sogni. Una città unica al mondo.

Arianna Esposito

Direttore responsabile Linkazzato at Linkazzato
Giornalista pubblicista dal 2012, una laurea in sociologia e una sconfinata passione per l’universo delle parole, bilanciata da una certa avversità per quello dei numeri. A chi mi chiede dove ho lasciato il filo, rispondo che il filo, quello del discorso, raramente lo perdo.